Navigazione: Diciotti

Ministro Trenta, si vergogni! Dopo l’intervista del Ministro della Difesa, disgusto e domande. A qual titolo la Ministro decide di ‘prendere’ quelle persone e portarle a Malta? E circa Sea Watch, ha notizia la signora Ministro del principio della divisione dei poteri?
di

La missione Sophia, per espressa volontà del Governo italiano è stata depotenziata e privata della navi, ovvio che sono rimaste solo le navi delle ONG a pattugliare il mare alla ricerca di naufraghi, ma non c’è nessuna prova che siano navi fuorilegge

Lampedusa: là dove Salvini viola la legge per interposta persona Salvini si limita ad indicare un sospetto, facendo solo allusioni e rinvii ad altre norme, ordina in maniera informale, agisce in violazione del principio della divisione dei poteri
di

‘Forse’ si sta violando la legge italiana da parte della Mar Jonio, ‘forse’ si è deliberatamente fatto ciò, ‘forse’ si vuole creare artificiosamente un problema. Perfetto: forse. Sta alla Magistratura indagare e poi decidere sui ‘forse’, non a Salvini

Salvini: il Senato non potrà salvarlo da Corte Europea sui diritti dell’uomo e Corte penale internazionale La valutazione della politicità di un certo atto del Ministro, è, sì, insindacabile, ma ciò non pertanto tocca e danneggia interessi e diritti anche individuali
di

Il ‘no’ insindacabile del Senato equivarrebbe alla volontà di non perseguire il presunto responsabile del reato e quindi determinare la competenza della Corte penale internazionale

Dalla Diciotti alla Sea Watch: duemila anni di civiltà nella spazzatura L’attore principale è Matteo Salvini, sostenuto, stupidamente, non solo e non tanto da Luigi Di Maio , ma dall’‘avvocato del popolo’, che evidentemente dimentica che anche quei cinquanta sono ‘popolo’
di

La Sea Watch si trova in acque territoriali italiane, ciò che accade su quella nave è sotto il ‘controllo’, e quindi la responsabilità, dello Stato italiano. La bandiera non c’entra nulla

Salvini rinviato a giudizio? Tranquilli, non succederà nulla di nulla Il Senato non darà l’autorizzazione e sarà una forzatura della volontà politica sul diritto e sulla Costituzione, sottrazione di una persona alla valutazione del suo comportamento da parte del Tribunale
di

Si è arrivati a confondere l’azione politica legittima con gli strumenti del diritto, si sostiene che per perseguire uno scopo politico si possono comprimere i diritti delle persone! Siamo completamente fuori dalla Costituzione