Navigazione: cristiani

Indonesia nel mirino dell’ISIS. Di nuovo Domenica di sangue, una intera famiglia reduce dalla Siria compresi i bambini si trasforma in gruppo di kamikaze ed attacca tre differenti chiese cristiane a Surabaya, seconda città della Nazione
di

L’ISIS rivendica l’attacco, le nuove forme della mimetizzazione della guerra diseguale attuata dall’ISIS fuori dai territori di Siria e Iraq dove è stato militarmente sconfitto. Nel mirino la tolleranza religiosa tipica dell’Indonesia che agli occhi dell’ISIS risulta essere la nuova frontiera del terrorismo globale di matrice islamica

Cristiani in Cina: davvero è persecuzione? Gianni Valente, sinologo di Fides, ci spiega la situazione reale della vita dei cristiani di Cina
di

Le notizie che leggiamo nei media tradizionali ci illustrano un Paese apertamente intollerante nei confronti dei cristiani. Ma, pur con alcune difficoltà, non è così: la vita dei cristiani nel Paese può anzi essere un’interessante testimonianza di Fede in quelle terre che stanno conoscendo uno sviluppo economico forte e traumatico

Egitto, nuovo attacco ai copti. NYT: ‘Armi italiane in Yemen’ Trump, nuove bordate su clima, Russiagate e Cina. Terrorismo: arresti in Turchia. Misure di sicurezza extra a Mosca per Capodanno
di

Sono dieci i morti nell’attacco fuori dalla chiesa copta di Mir Mina a Helwan, a sud del Cairo. Israele, nuovi lanci di razzi dalla Striscia di Gaza. Il ‘New York Times’ con un video reportage sulla vendita all’Arabia Saudita di armi attacca il nostro Paese

Il Papa e la Comunità cristiana ancor più sola in Myanmar e Bangladesh Dopo aver pronunciato la parola Rohingya ora i cristiani temono ritorsioni, soprattutto in Myanmar
di

Secondo gli analisti, la visita del Santo Padre e le sue espressioni a favore dei Rohingya hanno certamente destato l’interesse mondiale ravvivandolo ma allo stesso tempo, senza risolvere la situazione, ha messo anche in difficoltà ulteriore la comunità cristiana a cavallo dei due Paesi visitati

‘Terrorismo bianco’ e la retorica legittimante di Trump
di

La preoccupazione principale di un politico era di distanziarsi da gruppi simili o da un clima di violenza verbale o fisica; Donald Trump, non sente assolutamente la necessità di distanziarsi, perché lui è fatto così, la sua retorica politica è violentaParlo di quella cultura che pensa che gli Stati Uniti siano essenzialmente una nazione bianca, in cui i bianchi devono avere una supremazia politica, economica, sociale e religiosa. Il contenuto teologico e religioso è minimo, si tratta di gruppi che hanno un’idea dell’America bianca e cristiana. Per essere americani veri bisogna essere bianchi e cristiani. Se manca una delle due cose, non sei un vero americano. E’ un nazionalismo nuovo che non è un nazionalismo di una nazione in quanto tale, ma di una ‘nazione bianca’.