Navigazione: aziende

Nuovi materiali e tecnologie: il futuro del settore logistica delle merci Minore impatto ambientale e riduzione dei costi della filiera di distribuzione: sono queste le promesse delle piccole e delle grandi innovazioni in una delle principali attività dell'economia
di

Dall’introduzione di materiali plastici come il polietilene ed il polipropilene in sostituzione al legno, fino all’adozione degli strumenti dell’Internet of Things per rendere tracciabili i singoli pallet: i cambiamenti in atto nel settore sono molti e, senza dubbio, tutti piuttosto promettenti.

Welcome back: 121 aziende tornano in Italia. E’ il fenomeno del Back Reshoring Potrebbe non essere soltanto una moda. Dopo anni passati a delocalizzare, le aziende italiane decidono di riportare le produzioni in Italia. Il richiamo del Made in Italy è più conveniente della manodopera a basso costo
di

Maggiore qualità della manodopera, effetto Made in, meno costi legati a trasporti e logistica e più controlli su tutta la filiera. Caratteristiche che spingono le imprese italiane a tornare. Un'inversione di tendenze di cui l'Italia detiene il primato in Europa ed è seconda al mondo dietro solo agli Stati Uniti. Sono 121 le aziende italiane che, secondo il report 2016 dell'UniClub More BackReshoring, pool di ricerca universitario che dal '97 si occupa di quantificare e analizzare il fenomeno del reshoring, hanno deciso di riportare a casa le proprie produzioni. Sono soprattutto il settore della moda e le produzioni extralusso a beneficiarne.Un dato che però va preso con le dovute precauzioni. Certo è che: abbiamo ancora qualcosa da offrire.
[purchase_link id="268611" text="Acquisto" style="button" color="red"]


Se preferisci non acquistare il singolo PDF ma entrare nella nostra Membership (Memberhip Mensile, Membership Annuale, Membership Semestrale e Membership Trimestrale) utilizza i seguenti bottoni.
Accedi Registrati al Membership
PMI: la chiave di volta per la cooperazione internazionale Intervista ad Antonio Franceschini, Responsabile dell'ufficio Promozione e Mercato Internazionale del CNA
di

Fondamentalmente è una mancanza di consapevolezza di un’Africa che oggi è il continente che cresce di più, ‘negli ultimi 20 anni diversi Paesi hanno visto crescite costanti con medie importanti e l’Italia dovrebbe approcciare pensando a creare un mercato legato fondamentalmente al sistema delle piccole e medie imprese’