Navigazione: arte

Le nuove sfide in nome del David “Un nuovo logo restituisce alla Galleria dell’Accademia la sua identità, mentre sul museo fiorentino incombe il pericolo della perdita di autonomia, quella che ha consentito di avviare importanti progetti” afferma Cecilie Hollberg
di

“Un logo forte, immediatamente riconoscibile e che tutti, fiorentini e stranieri, potranno finalmente associare in maniera inequivocabile al nostro nome e alla nostra ubicazione nell’edificio storicamente nostra sede: la Galleria dell’Accademia di Firenze.”

Casa Batlló: la magia del restauro in immersione totale "L'opera di Antoni Gaudí rappresenta un contributo eccezionale e unico allo sviluppo dell'architettura e la tecnica della costruzione alla fine del XIX secolo e all'inizio del XX"
di

Casa Batlló è in restauro permanente, sotto la direzione di una trentina di persone specializzate in 7 campi diversi, che lavorano simultaneamente con l’obiettivo comune di arginare l’invecchiamento, di avvicinarsi al massimo allo stato iniziale dell’opera e di garantire un livello di sicurezza ottimale per il pubblico

Da Leonardo a Van Gogh, come immergersi nell’arte Mostre o spettacoli? Dalla ex Chiesa di S.Stefano al Ponte di Firenze, divenuta 'cattedrale dell’immagine',  le produzioni multivision  si sono diffuse in vari paesi del mondo tra cui la Cina
di

Operazioni come queste non  sono sostitutive di Mostre antologica dedicate ad uno o più artisti del passato, che richiedono  anni d preparazione, e costituiscono  veri e propri eventi, queste più leggere non hanno simili pretese

Il coraggio di Marina Abramovic A Palazzo Strozzi a Firenze in mostra The cleaner la prima grande antologica dedicata all’artista che trasformò la performance in arte, oggetto anche oggi di attacchi politici aggressioni e censure
di

Ecco il punto: con la violenza sugli altri non si fa arte. Una lezione di vita la sua e una riflessione improntata alla comprensione: “In passato mi sarei arrabbiata per un fatto del genere, oggi invece provo compassione.

‘Nano’ Campeggi: quando l’arte dipingeva il cinema Il fascino dell’affiche da Lautrec agli Anni Settanta rivive nei manifesti dedicati dall’artista scomparso al grande cinema americano: Via col Vento, Gigì, Ben Hur e all’ icona più amata: Marilyn
di

Se ‘Nuovo cinema Paradiso’ è la più autentica dichiarazione d’amore del cinema  per il cinema, anche i manifesti di ‘Casablanca’ e ‘Via col Vento’ che, tra le foto e le ‘pizze’ si intravedono nella cabina di proiezione di Alfredo, possono essere considerati, non solo da  Tornatore, tra i più significativi dell’ arte dell’affiche cinematografico.

1 2 3 6