Navigazione: 7novembre

Brasile: evangelici e indios contro Bolsonaro Non si esclude che evangelici di destra e tradizionali gruppi ambientalisti possano unirsi per spingere l'Amministrazione Bolsonaro a proteggere meglio le ricche risorse naturali del Brasile, con l’aiuto degli indios che hanno alzato il tiro politico
di

A Bruxelles gli indios hanno incontrato politici del Parlamento belga e dell’Europarlamento. La richiesta esplicita è stata: l’Europa deve premere sul Brasile rifiutando di firmare l’accordo UE- Mercosur

ILVA nelle mani di politicanti di accatto Questa gente non sa che fare. Non ha un’idea di futuro, non ha un progetto, una prospettiva. Ma parla, parla, parla, sbraita dicendo tutto e il contrario di tutto. Attori da avanspettacolo, privi di copione
di

Giocano cinicamente, ipocritamente, sulla vita di ventimila famiglie di operai e di centomila famiglie di abitanti di Taranto, per giocarsi l’elezione, strizzando l’occhio a chi è contro l’ILVA ma anche a chi è a favore, barcamenarsi è la loro professione

Midterm negli USA: la vittoria di chi? I democratici riconquistano la Camera ma creeranno davvero problemi a Trump? La parola a Sandro Petrone
di

Trump lo definisce un «enorme successo». Il Senato rimane rosso ed, anzi, lo diventa ancor di più. Oltretutto, la destra ne esce epurata dagli anti-Trump, rafforzandosi inevitabilmente nella sua sfumatura più scarlatta. I democratici, d’altro canto, conquistano la Camera. Ma saranno davvero capaci di ostacolare un Trump che non appare minimamente scalfito? L’intervista a Sandro Petrone

USA: il ‘potere diviso’ Cosa accadrà negli USA dopo queste elezioni? Ne abbiamo parlato con lo storico Massimo Teodori
di

Negli Stati Uniti 51 seggi contro 45 al Senato per i rossi e 219 contro 193 alla Camera per i blu ma dovremo attendere la fine della giornata per avere i numeri definitivi. Una vittoria per i democratici? O forse, sarebbe più corretto parlare di una vittoria ‘nuova’ per i repubblicani? “Chiarito chi ha perso, parliamo dello stato della società americana divisa come non mai dagli anni ’50 ad oggi. Questo è lo stato della società che vedremo anche nei prossimi anni”.