Navigazione: 5giugno

Sudan: Stati Uniti contro i militari Pressioni e condanne americane per riprendere i colloqui. La diplomazia saudita non è ancora riuscita a convincere la Casa Bianca a ridare fiducia alla giunta militare, agli USA il Sudan di al-Bashir non è mai piaciuto
di

“Le prese di posizione di John Bolton indicano la mancata fiducia che la Casa Bianca pone sul TMC. Troppo rischioso appoggiare dei quadri militari che nel recente passato si sono macchiati di gravi crimini contro l’umanità”

Rapporto Clingendael: ‘Effects EU policies Multilateral Damage’ Prima parte del Rapporto del Clingendael Institute, mai pubblicato in Italia e ben conosciuto a Bruxelles e ai media europei
di

‘Effects EU policies Multilateral Damage’ descrive nei minimi dettagli gli «effetti delle politiche migratorie dell’UE e l’esternalizzazione del controllo delle frontiere dell’UE sulle rotte migratorie del Sahara e sulle pratiche nelle regioni di confine che collegano il Niger, il Ciad, il Sudan e la Libia»

Rapporto Clingendael: crimini contro migranti noti alla UE dal 2018 Pubblichiamo il Rapporto del Clingendael Institute, mai pubblicato in Italia e ben conosciuto a Bruxelles e ai media europei
di

‘Effects EU policies Multilateral Damage’ descrive nei minimi dettagli le responsabilità dell’Unione Europea nei crimini contro l’umanità commessi dalle milizie libiche e dal regime islamico sudanese, alleati di Bruxelles nella ‘crociata’ contro l’emigrazione dall’Africa verso l’Europa

Migranti, Italia denunciata all’Aja, ora tocca ai giudici italiani muoversi La Corte prima di agire attende che lo Stato del funzionario o politico incriminato, agisca contro quella persona, applicando le leggi nei tribunali nazionali, qualora non lo faccia, la Corte Penale internazionale può agire direttamente
di

Tutto quanto denunciato sarebbe avvenuto nell’esecuzione di un unico disegno criminoso tra funzionari e politici europei. Un senso di profonda, incontenibile, violenta, dolorosa vergogna ci deve assalire

Cannabis: tanti registri per un quadro europeo da comporre Cannabis: tanti registri per un quadro europeo da comporre. Esempi virtuosi, resistenze e una competenza necessaria al centro del dibattito istituzionale dell’UE. Intervista a Elly Schlein, Deputata europea di Possibile e membro del Gruppo Alleanza progressista dei Socialisti e dei Democratici
di

Non abbiamo un’armonizzazione europea su questo tema e il quadro resta, purtroppo, molto frammentato. Anche l’Agenzia europea per i Medicinali (EMA) ritiene che, comportando la cannabis effetti psicoattivi, l’uso come farmaco rimanga sottoposto alle regole nazionali sull’uso delle sostanze stupefacenti.

Qatar, un anno di embargo non ha piegato Doha Ad un anno dall’inizio dell’embargo imposto a Doha da quattro Paesi del Golfo, Cinzia Bianco, ricercatrice e analista specializzata in Paesi del Golfo ci aiuta a fare un quadro della situazione
di

Il Qatar ha fatto dei passi indietro dal punto di vista regionale, ma ma non ha indietreggiato su alcuni investimenti strategici che già aveva in piedi in Europa, non solo in Italia, e anzi ne ha rafforzati alcuni e si è dimostrato disponibile ad esplorare nuove opportunità

Etiopia, finito lo stato di emergenza, inizia il dialogo con l’opposizione Il Primo Ministro Abyot, nei vari incontri con la popolazione, in varie città e regioni del Paese, continua ad assicurare che continuerà il nuovo corso politico
di

Il Parlamento ha votato per cancellare lo stato di emergenza, imposto a metà di febbraio, dopo le dimissioni del ex Primo Ministro Hailemariam Desalegn, e l’acuirsi delle proteste popolari che stavano prendendo una pericolosa piega etnica.