Navigazione: 5agosto

L’inferno è in Libano Il Paese era in ginocchio almeno dal 2019, ora la situazione rischia di essere irreparabile. Se la popolazione troverà nel disastro una ragione per ricompattarsi alla sua élite politica, la possibilità di tirare fuori il Paese dalla fossa è in mano alla comunità internazionale
di

L’altra possibilità è che invece la rabbia popolare cresca, il che significherebbe il crollo del Libano. I vertici dello Stato erano a conoscenza del pericolo. Questa potrebbe essere la scintilla che fa precipitare il Paese

Congo: Ebola, fanatismo religioso e guerra tra case farmaceutiche Il dilagare del fanatismo religioso, che ha assunto dimensioni tali da costituire un contro-potere, ostacola il lavoro dei sanitari; non bastasse ora ONG e OMS hanno scatenato la guerra tra vaccini, Johnson & Johnson contro Merk
di

Il vaccino proposto da Johnson & Johnson prevede due dosi da iniettare a distanza di qualche mese, un piano terapeutico impossibile da praticare causa la mobilità della popolazione

Bangkok: ancora una volta bombe, segreti e misteri Le esplosioni di venerdì scorso nella Capitale thailandese e la reticenza delle Forze di Polizia in una folla di dietrologie
di

Sette ragazzi giovanissimi arrestati e ritenuti i sospetti autori o componenti di una organizzazione che avrebbe pianificato le esplosioni. Non mancano i precedenti di attentati in Thailandia, soprattutto nella Capitale. Ma le risposte latitano, sono lacunose o non ci sono mai state del tutto in modo chiaro e convincente