Navigazione: 4gennaio

Thomas Sankara, il sogno assassinato del Burkina Faso Intervista con Silvestro Montanaro, autore di un documentario sull’ex presidente del paese africano
di

In pochi anni, dal 1983 al 1987 Sankara, figura carismatica per tutti gli africani, costruì scuole e ospedali, realizzò campagne di vaccinazione, piantò alberi per fermare la desertificazione, ridistribuì la terra ai contadini, ridusse la spesa pubblica e la corruzione, vietò l’infibulazione e la poligamia, sostituì le costose auto blu ministeriali con le Renault 5

Altro che larghe intese. Il Rosatellum aiuta la governabilità Tutti parlano di ingovernabilità, ma il Rosatellum tende a dare una maggioranza al Paese. Ne abbiamo parlato con Lorenzo Pregliasco di Youtrend.
di

In particolare il Rosatellum, legge elettorale con la quale si voterà il prossimo 4 marzo, è un sistema di tipo misto.  Se prendiamo ad esempio la Camera dei Deputati, dei 617 membri che vengono eletti sul suolo nazionale (12 nella circoscrizione estero), 386 vengono attribuiti con sistema proporzionale su base nazionale, mentre i restanti 232 sono assegnati con un sistema maggioritario in collegi uninominali.

Ecco i conflitti da tenere d’occhio nel 2018 – Parte II Il report del Crisis Group sulla pericolosità delle 10 crisi del mondo odierno
di

Nella giornata di ieri abbiamo pubblicato un articolo riguardante le criticità rappresentate da: Corea del Nord, USA-Arabia Saudita, Afghanistan, la crisi Rohingya in Myanmar e Bangladesh e quella nello Yemen. Nella seconda parte, ci occuperemo dei conflitti in Siria, Sahe, Repubblica Democratica del Congo, Ucraina e Venezuela,

Malaysia: una transizione che sa tanto di restaurazione Aumentano le critiche verso le misure burocratiche ed amministrative a favore della maggioranza Malay del Paese
di

In Politica come nella società, si parla tanto di periodo di transizione. Ma dura da due decenni e non si constata alcuna evoluzione. Le forme di sciovinismo e la legislazione nazionale chiaramente a favore della etnia maggioritaria Malay dimostrano che oggi la Malaysia è a un punto morto