Navigazione: 3luglio

Putin in Italia, tra politica e fascinazione Con Conte parlerà di attualità internazionale, mentre Salvini lo studia e un’UE rinnovata potrebbe riaprire il dialogo con Mosca, ne parliamo con Serena Giusti
di

“Storicamente l’Italia ha avuto dei buoni rapporti con la Russia, indipendentemente dalla configurazione del Governo”, “credo che Salvini subisca una fascinazione dell’uomo forte Putin”, “la nuova Commissione europea potrebbe ricostruire un rapporto con Mosca”

Libia, massacro in un centro di immigrati: Haftar nuovamente sotto accusa Il generale nuovamente nell’occhio del ciclone degli attacchi in violazione dei diritti umani. Quasi esattamente le accuse mosse contro il generale dal Clingendael Institute nel rapporto, documento che lo accusava di essere coinvolto nella tratta dei migranti
di

Giornalisti e fotoreporter della ‘AFP’ accorsi sul luogo della strage raccontano di una scena indescrivibile e orrenda. Gli edifici del centro sono stati ridotti ad un cumulo di macerie, sotto le quali giacevano decine e decine di corpi, sangue, frammenti di tessuto celebrale, viscere, sangue e abiti.

Migrazione africana: dalle tensioni alle soluzioni Le migrazioni viste dall’Africa attraverso le riflessioni di Gumisai Mutume, noto giornalista di ‘Africa Renewal’, in un intervento di 13 anni fa che oggi suona profetico
di

Promuovere o limitare la mobilità delle persone che cercano di migrare? La semplice chiusura della porta potrebbe avere implicazioni profondamente preoccupanti per i diritti umani delle persone coinvolte, e rinunciare ai benefici che la migrazione offre, sia ai Paesi riceventi che a quelli mittenti

Artico: l’alleanza tra Cina e Russia nel Grande Nord Cina e Russia hanno trovato nell’Artico un ulteriore terreno di cooperazione. A parlarcene Marzio Mian, giornalista, scrittore e fondatore del progetto ‘The Arctic Times Project’
di

“Russia e Cina sono sicuramente i due protagonisti di questa corsa alla conquista del Nuovo Artico. La Russia è la potenza storicamente artica; la Cina vede nell’Artico la continuazione e l’integrazione della Nuova Via della Seta”