Navigazione: 27novembre

USA: Trump, prove di moderazione? Ecco cosa rappresentano le recenti dichiarazioni di Donald Trump riguardo alla sua disponibilità a lasciare la Casa Bianca qualora il Collego elettorale, il prossimo 14 dicembre, dovesse formalizzare ufficialmente la scelta di Joe Biden
di

Le recenti dichiarazioni di Donald Trump riguardo alla sua disponibilità a lasciare la Casa Bianca qualora il Collego elettorale, il prossimo 14 dicembre, dovesse formalizzare ufficialmente…

Maradona: il miracolo contemporaneo Maradona è una figura profondamente politica nella sua compassione. La compassione è sentirsi-con-l'altro, condividere la propria passione, è compagnia, parità, legame profondo. Un uomo il cui rapporto speciale con il divino ci ha permesso di essere contemporanei dei miracoli
di

Non c’è niente di borghese in Diego Maradona, cioè, niente di volgare; e quel rigore estetico, la disciplina con cui si è dedicato a non voler appartenere alla classe che lo odia, è una delle sue più alte conquiste

Maradona, el milagro contemporáneo Maradona es una figura profundamente política en su compasión. La compasión es sentir-con-el-otro, compartir su pasión, es compañerismo, paridad. Un hombre cuya relación especial con lo divino nos permitió ser contemporáneos de los milagros
di

No hay nada burgués en Diego Maradona, es decir, nada vulgar; y ese rigor estético, la disciplina con la que se abocó a no querer pertenecer a la clase que lo odia es uno de sus más altos logros

Uganda: impantanato l’oleodotto, a rischio Museveni Una decisione della European Investment Bank frena nuovamente l’Oleodotto dell’Africa Orientale, mettendo in crisi e a rischio di spodestamento il già contestato Presidente Yoweri Kaguta Museveni Rivitalizzare l’oleodotto Uganda-Tanzania e costruire la raffineria ad Hoima diventa un imperativo per permettere a Museveni di rimanere al potere
di

L’industria petrolifera porterebbe l’Uganda ad una crescita stimata tra il 10 e il 12% annui. Se non dovesse decollare l’opinione pubblica ugandese addosserebbe la colpa del fallimento a Museveni, rafforzando l’opposizione popolare già forte nelle principali città del Paese