Navigazione: 21marzo

L’internazionale suprematista avanza, in USA e in Europa, coperta dalla Casa Bianca Il suprematismo che avanza in USA e si organizza con i nazionalisti europei: ne parliamo con Massimo Faggioli, storico e teologo
di

“La lotta al suprematismo non è una priorità della Chiesa americana, e conta sulla connivenza o la complicità delle istituzioni che non usano quei toni e sistemi, ma condividono il messaggio e vedono con simpatia gli effetti di questa risorgenza del suprematismo”

Avvertimento senegalese: l’odio si paga Se noi siamo selvaggi, è normale che selvaggi siano gli altri verso di noi, l’odio scatena la rabbia, che agisce con odio. Quanto accaduto ieri, per mano di un italiano dalla pelle nera, è un cambiamento radicale di prospettiva
di

In coloro che si sentono fratelli delle migliaia di morti in mare si sta creando la stessa rabbia cieca, la stessa furia ignobile della quale sono carichi i tanti italiani dalla pelle bianca che urlano contro il negro in metropolitana

Caso Sarkozy: alla luce della Libia dagli anni 2000 ad oggi La lettura politica dei fatti tra Parigi e Tripoli che spiegano il contesto dei miliardi che sarebbero finiti a Sarkozy: ne parliamo con il professor Francesco Strazzari e l’analista ISPI Arturo Varvelli
di

In ogni Paese la famiglia Gheddafi ha cercato in qualche modo di inserire degli elementi di condizionamento, in questo contesto che c’è stato probabilmente un coinvolgimento della leadership francese.

Uganda – Rwanda: fine della guerra fredda? non si direbbe ma …. Salta l' incontro tra i presidenti Museveni e Kagame durante il summit straordinario della Unione Africana a Kigali
di

La crisi, prima dell’annuncio di vertice poi ritirato era arrivata quasi al punto di non ritorno e i venti di guerra si stavano avvicinando. Lo scorso mese il Presidente ruandese Kagame non si era recato al summit UA dei Capi di Stato svoltosi a Kampala come chiaro segnale di sfida.