Navigazione: 1giugno

Un torneo delle nazionali che non ci sono A pochi giorni dai mondiali di calcio di Russia, anche gli Stati non riconosciuti disputano un loro particolare torneo: è il ConIFA World Cup.
di

Per alcuni, il mondiale è già iniziato: si tratta delle nazionali degli Stati non riconosciuti che il 31 maggio hanno inaugurato un vero e proprio ‘contro-mondiale’ che si concluderà il 9 giugno. A ospitare questo particolare torneo è la città di Londra, che è stata scelta dal (non) Stato di Barawa, Paese organizzatore, come sede della competizione.

Italia? Più che un medioevo, una Palestina dell’epoca romana -sperando nel Rinascimento- La crisi politica italiana: prospettive e riflessi. La parola a Stefano Fait, analista di macrotendenze
di

Il voto del 4 marzo ha lo stesso potenziale di riverbero globale del Brexit. Ha stabilito che, per la prima volta, nell’Europa occidentale (quella che si considera più civile) una grande nazione con un peso specifico sufficiente a far cambiare rotta all’intero continente è nella posizione di poterlo fare. Molti hanno notato che i rappresentanti più in vista del partito democratico esternano opinioni e valutazioni che sembrano far trasparire un malcelato auspicio che una catastrofe economico-finanziaria si abbatta sugli elettori italiani, a fini pavlovianamente rieducativi: devono imparare a votare come si conviene.

Congo: Kabila e la proposta di legge contro il voto della diaspora Presentata dal deputato Henriì-Thomas Lokondo, se entrasse in vigore 7 milioni di congolesi che vivono all’estero si vedrebbero negati il diritto di voto.
di

La proposta di legge avanzata dall’anonimo deputato non è altro che l’esternazione di una decisione prese in segreto lo scorso aprile durante un incontro tra il rais, il Presidente dell’Assemblea Nazionale (il Parlamento congolese) e il Presidente della Commissione Elettorale Nazionale Indipendente (CENI)

Thailandia: pugno duro della Polizia contro i monaci Arrestati monaci anziani e grandemente stimati, accuse gravi nei loro confronti soprattutto in ambito finanziario. Infranto un tabù che voleva i monaci esenti da azioni di polizia o giudiziarie nei loro confronti
di

Infranto un tabù che voleva tradizionalmente protetti i monaci da azioni di Polizia nei loro confronti. Con la Giunta militare in carica e dopo recenti scandali tra i monaci, si profila sempre più una riforma del clero buddhista imposta dall’alto