Navigazione: 13febbraio

Italia – Turchia: ENI gas, un patrimonio italiano ed europeo «Nel Mediterraneo, gioca un ruolo di leadership che è funzionale agli interessi nazionali, ma anche europei»
di

In sostanza, nel bacino del Mediterraneo orientale – che comprende Libano, Egitto, Israele e Cipro – ENI è un player fondamentale soprattutto dopo la scoperta di Zohr. Anche a Cipro, dove ha investito tra i blocchi più importanti, ha fatto questa recente scoperta nel pozzo Calypso 1.

Il Made in Italy nella produzione di armi e sistemi di difesa Intervista a Pietro Batacchi, direttore della Rivista Italiana di Difesa RID
di

La qualità tecnica, le innovazioni e le scoperte scientifiche applicate nel settore delle armi e dei sistemi di difesa rendono l’Italia famosa ed apprezzata nel Mondo. Commesse di grande livello e prestigio, il ruolo dell’ASEAN e dell’Asia più in generale tra i mercati più ricercati dove il Made in Italy riceve grande rispetto e stima.
[purchase_link id="268592" text="Acquisto" style="button" color="red"]


Se preferisci non acquistare il singolo PDF ma entrare nella nostra Membership (Memberhip Mensile, Membership Annuale, Membership Semestrale e Membership Trimestrale) utilizza i seguenti bottoni.
Accedi Registrati al Membership
Geopolitica a 5 Stelle: tra sovranità, disarmo e nuove alleanze Nello scenario globale, il ritorno della cooperazione solidale tra Stati parte ‘dal basso’. Con o senza Unione Europea, il Movimento chiede una politica volta al rilancio finanziario, al disarmo nucleare e al welfare (anche per i nostri soldati)
di

Un ‘programma per l’Italia scritto dagli italian’ e ‘votato online dai cittadini’: così il Movimento 5 Stelle definisce la sua offerta politica, puntando su modalità collaudate fin dalle origini. Vediamo cosa si dice in ambito politica estera

Burundi: le Nazioni Unite finanziano la Radio Hutupower Si tratta di Buntu, che trasmette dalla cittadina di Buye. Ed è di proprietà di Denise Nkurunziza, la moglie del dittatore burundese
di

L’accusa: ‘Nkurunziza e sua moglie hanno fatto leva sulla corruzione intrinseca esistente all’interno delle Agenzie umanitarie ONU ottenendo così i finanziamenti necessari per potenziare il segnale di Radio Buntu nonostante le chiare posizioni delle Nazioni Unite’