Navigazione: 12febbraio

Cipro: la Piattaforma ENI ancora bloccata dalla Marina turca Lo scandalo Oxfam e il difficile rapporto tra UE ed ONG. Germania, SPD: Andrea Nahles nuova leader
di

Secondo fonti irachene, Abu Bakr al-Baghdadi, il califfo, non sarebbe morto ma, ferito, si starebbe curando in Siria. Francia, Macron, ha aperto le consultazioni con intellettuali, imam e studiosi di cultura musulmana al fine di formulare la propria proposta di riorganizzazione dell’Islam nel Paese

Turchia – Italia: è tensione per la nave ENI bloccata a largo di Cipro C’è una via d' uscita alla recente crisi scaturita dal blocco della nave di ENI? Ne abbiamo parlato con Valeria Talbot
di

L’area contestata da Ankara si trova ad est dell’Isola, nell’ area marina prospiciente  la Repubblica Turco Cipriota del Nord (RTCN) riconosciuta solo dalla Turchia la quale sostiene che l’ unilateralità delle esplorazioni «minano i diritti inalienabili sulle risorse naturali dei turco-ciprioti»

Dal Venezuela, facciamo il punto sulle prossime elezioni Venezuela: piú che il tempo limitato, il problema dell’opposizione é il candidato. Mentre l’opinione pubblica spera in un outsider
di

Di fronte ad un processo elettorale che non rispetta le condizioni basiche per votazioni democratiche, l’opposizione si trova di fronte al dilemma del non partecipare, chiamando all’astensione come meccanismo di protesta verso un Governo chiaramente antidemocratico, o partecipare, prendendo parte al processo sotto protesta con la speranza di generare un impeto tale in favore dell’opposizione che il Governo difficilmente potrá occultare.
[purchase_link id="268595" text="Acquisto" style="button" color="red"]


Se preferisci non acquistare il singolo PDF ma entrare nella nostra Membership (Memberhip Mensile, Membership Annuale, Membership Semestrale e Membership Trimestrale) utilizza i seguenti bottoni.
Accedi Registrati al Membership
In Bielorussia non ci sono più parassiti Il presidente Lukashenko ha firmato qualche giorno fa un decreto che ha abrogato definitivamente la legge che obbligava i disoccupati a pagare un multa
di

Nel 2015 il Governo decise di ripristinare una vecchia legge già in vigore nell’Unione Sovietica e ripropose la tassa sui disoccupati, con la quale venivano multati tutti coloro non iscritti agli uffici del lavoro e senza lavoro per almeno 6 mesi. Il provvedimento, dapprima sospeso lo scorso anno, è stato comunque definitivamente abrogato nel gennaio 2018