sabato, Agosto 8

Synlight, Sole artificiale per produrre carburante ecologico

0

Produrre carburanti ecologici con un sole artificiale? Da oggi è realtà grazie ad un team di ricercatori del Centro aerospaziale tedesco (Dlr), che hanno sviluppato un nuovo sistema di luce in grado di produrre l’energia equivalente alla radiazione emessa da 10mila soli. Synlight, questo il nome del sistema di illuminazione creato. si trova a circa 30 chilometri da Colonia, ed è una struttura a forma di nido d’ape, composta da 149 fari allo xenon.

A spiegarlo Bernhard Hoffschmidt, direttore del Dlr: «Il sistema è in grado di creare temperature fino a 3mila gradi Celsius e l’intera struttura misura la bellezza di 14 metri di altezza e 16 metri di larghezza». L’obiettivo di Synlight è quello di creare idrogeno, che non produce emissioni di carbonio quando viene bruciato e, quindi, non contribuisce al riscaldamento globale. La sua produzione avviene dividendo le molecole d’acqua nei suoi due componenti, idrogeno e ossigeno. Quando la luce del sole artificiale viene focalizzata su un solo punto, riscalda il metallo a circa 800 gradi Celsius, che viene poi spruzzato con del vapore acqueo. In questo modo, il metallo reagisce con l’ossigeno dell’acqua, isolando l’idrogeno.

I limiti? Diversi, tra cui il fatto che Synlight per funzionare richiede una quantità di energia elettrica enorme: basti pensare che in appena quattro ore, il sistema utilizza la stessa quantità di energia elettrica che una famiglia media consuma in un anno intero. Per questo si sta cercando di usare materiale e creare un sistema ancor più evoluto che possa produrre tali quantità di energia spendendo meno.

(video tratto dal canale Youtube di Love Science e Nyooz Tv)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.