domenica, Dicembre 8

Sussex: nube chimica nella spiaggia, 150 bagnanti all’ospedale

0

È stata definita ‘nube chimica‘ la strana nebbia che ha investito i bagnanti in una spiaggia del Sussex, nell’Inghilterra meridionale. 150 persone sono ora in visita in ospedale dopo esser state colpite dalla nube la domenica sera e aver contratto irritazioni agli occhi e alla gola.

In molti hanno ipotizzato che si trattasse di gas clorino, popolare durante la prima guerra mondiale, quando i primi attacchi chimici venivano sperimentati nella guerra in trincea. Le autorità, tuttavia, indicano come la possibilità di un attacco deliberato sulla spiaggia sia «altamente improbabile», e preferiscono definirlo «un incidente chimico».

La causa resta ancora sconosciuta: «gli effetti sono fastidiosi ma non gravi», rassicura la Polizia locale, e «un’indagine è stata avviata da un numero di agenzie che lavorano insieme per stabilire l’origine del gas». La polizia ha lanciato un avvertimento a tutti i bagnanti che si trovavano sulla spiaggia al momento dell’incidente: centinaia di altre persone potrebbero aver bisogno di un controllo all’ospedale. Ai residenti della zona è stato consigliato di tenere porte e finestre chiuse, e di rivolgersi a un medico se sintomi come prurito agli occhi o irritazioni alle vie respiratorie dovessero presentarsi.

Video tratti dai canali youtube ‘Piece of News‘ e ‘Ionut Panescu

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.