sabato, Settembre 19

SuperTuesday: SuperClinton e SuperTrump

0

 

Italia, è l’una di notte e dall’America non arrivano sorprese degne di nota.

0
I primi risultati dal SuperTuesday danno Hillary Clinton vincente in Virginia e Georgia. Bernie Sanders, come prevedibile, trionfa in Vermont, il suo Stato.
A spoglio ancora in corso, in Georgia la Clinton conquista circa il 70%, Sanders è sul 20%.
In Virginia, gli exit poll vedono l’ex first lady avanti con il 64,3% dei voti.
In Vermont la situazione è ribaltata: Sanders conquista quasi la totalità dell’elettorato, precisamente l’83%. A Hillary resta un misero 13%.
In Alabama la situazione torna a sorridere all’ex Segretario di Stato, avanti con circa l’80% dei voti.

1.1

Negli stessi Stati, la lotta repubblicana ha un solo vincitore: Donald Trump.
In Virginia Trump è al 34%, in vantaggio di soli 3 punti percentuali su Marco Rubio. Ted Cruz segue a distanza con il 16,9% dei voti.
In Georgia, Trump conquista circa il 39% dell’elettorato. Qui è ancora scontro aperto tra Cruz e Rubio per la seconda posizione.
In Vermont, Trump si attesta al 32%. In seconda posizione l’outsider Kasich al 30,7%.
In Alabama Trump è vincitore assoluto con circa il 43% dei voti.  Alle sue spalle, Cruz è al 21%, Rubio al 18%.

2.2

Sul fronte democratico, in Arkansas Hillary conduce i giochi con il 67% degli elettori che si è espresso in suo favore.
In Massachusetts è ancora avanti la Clinton, 50,5% contro il 48.3% di Sanders.
Situazione agli antipodi in Minnesota. Qui il Senatore del Vermont è avanti con il 59,3% delle preferenze degli elettori. Alla Clinton per ora il 40,7%.
In Oklahoma, Sanders è di nuovo davanti con il 51,9% dei voti, la Clinton segue con il 41,5%.

3.3

Tra i repubblicani, in Arkansas, Trump ottiene il 33,7%, Cruz è al secondo posto con il 29,8%, Rubio è al 24%.
In Massachusetts Trump conquista il 48,7%. Al secondo posto è bagarre tra Kasich e Rubio, entrambi con circa l’11% dei voti. Cruz racimola solo il 9%.
Il Minnesota si conferma uno Stato diverso dagli altri. Qui Rubio è in testa con il 36,4% dei voti, Cruz lo segue con il 29% mentre Trump si accontenta del terzo posto con il 21%.
In Oklahoma è Cruz a guidare il gruppo repubblicano. A lui il 34,4% dei voti, a Trump il 28,3% e a Rubio il 26%.

4.4

In Tennessee la Clinton è di nuovo avanti con il 66% dei voti. Sanders ottiene il 32%.
In Texas, Stato che assegna molti delegati, la Clinton ha di nuovo il 66% dei voti. Sanders è ancora sul 32%.
In Colorado si vota solo per i democratici. Qui Sanders è per ora al 57.6%, la Clinton al 41,5%.

5.5

Al fronte opposto, il Tennessee sceglie Trump che conquista il 39%. Lo segue Cruz al 24,7 e Rubio al 21%.
Il Texas si conferma lo Stato di Cruz. Qui il Senatore guida la corsa con il 43,2% delle preferenze. Trump si attesta sul 27% e Rubio sul 17.5%.

Tra i democratici, la conta dei delegati è così ripartita:

6.6

 

la Clinton sale a 984, Sanders a 347, mentre 172 non sono stati ancora assegnati. Per ottenere la nomination servono 2383 delegati.

Tra i repubblicani, la situazione dei delegati si delinea in questo modo:

7.1

 

Trump è a 268 delegati, Cruz a 142, Rubio a 78 e Kasich a 24. Per la nomination servono 1237 delegati.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore