giovedì, Dicembre 12

Sudafrica: Winnie Mandela, la controversa ‘madre della nazione’ Tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta è stata tra i principali attivisti del Paese nella lotta all’apartheid

0

A 81 anni è morta Winnie Mandela, ex moglie di Nelson Mandela. Lo ha annunciato il suo assistente personale, Zodwa Zwane. Tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta è stata tra i principali attivisti del Paese nella lotta all’apartheid e per questo è stata torturata, perseguitata e imprigionata.

Un personaggio controverso Winnie Mandela, che nel ’69 trascorse 18 mesi in isolamento in carcere, accusata di «terrorismo» dal regime.  Negli anni ‘80 aveva pubblicamente giustificato la tortura e l’esecuzione sommaria come arma di lotta politica. Nel 1991 è stata poi condannata per il rapimento di Stompie Seipei, un attivista che era stato ucciso dal Mandela United Football Club, la squadra delle guardie del corpo della donna. Nel 1998 una commissione stabilì che Winnie era stata «politicamente e moralmente» responsabile, in modo diretto e indiretto, di diversi crimini contro uomini, donne e bambini.

Nel 1957 l’incontro con Mandela, all’epoca avvocato anti-apartheid 18 anni più grande di lei. Si sposarono l’anno dopo e nell’arco di due anni ebbero due figlie, Zenani e Zindzi. Il suo impegno contro l’apartheid le valse il soprannome di «madre della nazione». Era il ’63 quando Mandela fu arrestato. Venne rilasciato nel ’90, e il loro matrimonio durò solo altri due anni. Quando Mandela è diventato presidente, aprendo la via per un Sudafrica democratico, Winnie Mandela ha ricoperto diversi ruoli governativi: deputata, viceministro alla Cultura, è stata anche a capo dell’ala femminile dell’African National Congress.

(video tratto dal canale Youtube di Euronews e CNN)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.