giovedì, Dicembre 12

Sud Sudan: paura di donare il sangue

0

La carenza di sangue per le trasfusioni è la principale causa di morte nella maggior parte degli ospedali del Sud Sudan. I pazienti, in particolar modo le donne incinte e le neo mamme, muoiono a causa dell’ignoranza nei confronti delle donazioni di sangue che ruota intorno a tabù culturali.

L’emergenza sanitaria si è aggravata nel 2011, quando il Sud Sudan diventa indipendente dal Sudan ed è teatro di una guerra civile.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ogni anno in Sud Sudan muoiono 7.890 donne, ogni centomila parti. Per capire la gravità della situazione, basti pensare che nei Paesi sviluppati la media è di 16 donne su centomila parti, in Italia è di quattro.

A causa della paura di donare il proprio sangue, sono pochissimi i donatori disposti al prelievo; inoltre, la maggior parte di chi lo fa è disposto a donarlo solo per i propri parenti e non per sconosciuti.

Come Anna Cavell riporta, in un ospedale di Giuba (capitale del Sud Sudan) ci sono solo nove unità di sangue disponibili. Questo blocco che le tribù hanno, dettato soprattutto dalla paura, e la mancanza di consapevolezza riguardo il rapporto rischi-benefici che comporta donare il sangue, fa sì  che in molte famiglie ci sia il rifiuto di donare il sangue anche ai propri parenti, comprese le partorienti.

 

(video tratto dal canale YouTube Al Jazeera English)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore