giovedì, Gennaio 23

Stati Uniti Vs Iran: Donald Trump dice no all’accordo sul nucleare iraniano La strategia del Presidente americano contro la Repubblica Islamica

0
1 2


Dal canto suo, per quanto concerne la Cina, uno dei membri del formato 5+1, mediante il portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying, ha affermato che «crediamo che questa intesa sia importante per assicurare il regime di non proliferazione nucleare internazionale e la pace e la stabilità della regione. Speriamo che tutte le parti possano continuare a conservare e sviluppare questo accordo».

Una decertificazione, a detta del portavoce del Cremlino, Dmitri Peskiov, potrebbe «compromettere la prevedibilità, la sicurezza, la stabilità e la non proliferazione in tutto il mondo» e «peggiorare la situazione che riguarda il dossier nucleare iraniano».

A livello europeo, il portavoce del governo tedesco, Steffen Seibert ha reso noto che la Germania continuerà a rimanere parte integrante dell’ accordo in quanto  «abbiamo un grande interesse nel proseguimento di questa unità internazionale» e se «un Paese importante come gli Stati Uniti arriva a una conclusione diversa, come sembra essere, lavoreremo ancora più duramente con gli altri partner per mantenere tale coesione». Stessa posizione era stata sostenuta dalla Premier Theresa May. Ma l’ accordo sarà oggetto, tra l’ altro, del Consiglio Affari Esteri che si terrà lunedì prossimo in Lussemburgo.

Sarebbe giunto, secondo quanto scritto sul Washington da Michael Gerson ex capo del gruppo degli speechwriter dell’amministrazione Bush, «il momento del panico e delle decisioni» e «non è più possibile ignorare le richieste d’aiuto che arrivano dall’interno dell’amministrazione Trump». Il battibecco con il senatore Bob Corker sarebbe sintomo, a detta di Gerson, «un presidente che ha esplosioni di rabbia contro nemici, ossessionato, profondamente disinformato e privo di interesse, incapace di concentrarsi e soggetto a crisi distruttive», il rischio, dunque, di una terza guerra mondiale. «Il tempo delle critiche sussurrate e delle risate trattenute è finito» chiosa Gerson sul Post, accusando molti repubblicani, tra cui lo Speaker Paul Ryan, di compiacenza con il Presidente.

Già due volte l’ Amministrazione Trump ha certificato il rispetto dell’ accordo da parte di Teheran. Ma questo non gli impedirebbe di ritirarsi dall’ intesa.

Circa la possibilità che l’ Iran possa uscire dall’ accordo qualora gli Stati Uniti si tirino indietro, “Certamente, è una possibilità”, ha detto il presidente del Parlamento di Teheran, Ali Larijani, rispondendo ai giornalisti.
«L’amministrazione Trump non ripeterà gli errori dei suoi predecessori», ha chiarito il documento di anticipazione della Casa Bianca che ha, inoltre, preso di mira Barack Obama, accusandolo di non aver considerato in maniera adeguata la questione nucleare, e George Bush Jr, colpevole di aver dato «priorità alla minaccia immediata delle organizzazioni estremiste sunnite rispetto alla minaccia a lungo termine della militanza sostenuta dall’Iran».

L’insofferenza nei confronti dell’ accordo non è nuova. Trump aveva dichiarato al Palazzo di Vetro in riferimento al JCPOA (Joint Comprehensive Plan Of Action), risalente al 14 luglio del 2015: «Francamente, è imbarazzante per gli Stati Uniti». Nella Repubblica Islamica, a detta del Presidente, sarebbe al potere una «dittatura corrotta», la cui principale vittima è il «popolo». Ad applaudire al duro intervento del tycoon, il Premier israeliano Benjamin Netanyahu il quale aveva avvertito: «l’ Iran sta sviluppando missili che minacciano il mondo intero: l’accordo sul nucleare iraniano va cambiato o respinto».

Il rinsaldato asse tra Washington e Gerusalemme è in diretta correlazione con l ‘atteggiamento di Trump. A questo si aggiunga l’ Arabia Saudita che sta tentando, in maniera sempre più pressante, di impedire all’ Iran di costituire una mezzaluna sciita in medioriente. Iran, responsabile secondo il Regno, dei disordini in Yemen.

Dal punto di vista iraniano, una linea dura americana potrebbe mettere in difficoltà il Presidente moderato Rohani e rafforzare le posizioni  ultra-nazionaliste e anti-americane, il cui rappresentante è la guida suprema Ali Khamenei.

« Sapete, ragazzi, cosa rappresenta questo? E’ la calma prima della tempesta». Con queste parole il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, accanto alla first lady Melania, si era rivolto ai fotografi, in prima della cena con i vertici militari. «Potrebbe essere la calma prima della tempesta» ha ribadito ai giornalisti astanti. «Abbiamo i migliori militari del mondo in questa stanza» e «avremo un bella serata. Grazie di essere venuti» ha concluso lapidario. Ma sul significato di ‘tempesta’, regna il dubbio più assoluto, soprattutto dopo la risposta del Presidente «lo vedrete».  Speriamo di non doverlo mai scoprire.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore