giovedì, Ottobre 29

Stati Uniti: Trump, fine della Lotteria dei visti Il sistema in vigore, ideato dai democratici, istituito nel 1990 e funzionante dal 1995, assegna 55mila permessi di soggiorno permanenti

0

Il giorno dopo l’attacco terroristico a New York, il Presidente americano Donald Trump ha ribadito la richiesta di una riforma delle norme sull’immigrazione, ponendo fine sia al sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria basata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

«Il terrorista è arrivato nel nostro Paese grazie al ‘Diversity Visa Lottery Program, una perla di Chuck Schumer. Voglio un sistema che si basi sul merito». Questo aveva scritto in un tweet Trump all’indomani dell’attentato di Manhattan, il cui autore era un giovane uzbeko con regolare green card, residente nel New Jersey e autista per Uber. «Un animale» aveva definito Trump il killer. «Stiamo lottando duramente per un’immigrazione basata sul merito, basta lotterie democratiche. Dobbiamo diventare molto più severi  (furbi)»

Il sistema in vigore, ideato dai democratici, istituito nel 1990 e funzionante dal 1995, assegna, attraverso un sistema di estrazione, 55 mila permessi di soggiorno permanenti ogni anno. Con l’ obiettivo di diversificare la popolazione immigrata degli Usa, vengono accolte le domande provenienti dai Paesi “scarsamente rappresentati” che nel corso dei cinque anni precedenti hanno avuto un basso tasso di emigrazione verso gli USA. Le persone nate in Paesi ad alta immigrazione verso gli Stati Uniti sono perciò tagliati fuori da questo programma: per il 2017 sono infatti esclusi i cittadini di Bangladesh, Brasile, Canada, Cina, Colombia, Corea del Sud, Repubblica Dominicana, El Salvador, Filippine, Haiti, India, Giamaica, Messico, Pakistan, Perù, Regno Unito, Vietnam.

Per tutto il 2017 , il programma della Lotteria Carta Verde è stato rivolto a tutte le persone nel mondo che rispondono a questi due requisiti di accesso di base. Le carte verdi pongono i vincitori e le loro famiglie nelle condizioni di vivere, lavorare e studiare negli Stati Uniti in qualità di residenti permanenti.

Inoltre, per poter rientrare nella Lotteria Diversity Visa Carta Verde Usa 2017 occorre aver completato una scuola di alta formazione negli Stati Uniti o un’equivalente straniera di alta formazione scolastica, oppure aver lavorato per almeno due anni negli ultimi cinque anni come manager, ingegnere, medico, architetto, insegnanti.

Le domande per la Lotteria Carta Verde vengono accettate solo online mentre in passato venivano accettate solamente le domande su carta firmate. Il cambio avvenne nel 2003, aumentandone notevolmente la rapidità.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore