venerdì, Novembre 15

Stati Uniti: ecco i ritratti ufficiali di Barack e Michelle Obama L' ex coppia presidenziale ha scoperto le due opere realizzate da Kehinde Wiley e da Amy Sherald

0

Ad una cerimonia alla Smithsonian National Portrait Gallery di Washington l’ex coppia presidenziale Obama ha scoperto le due opere, realizzate da Kehinde Wiley e da Amy Sherald, due artisti afro-americani, che la raffigurano.

«Che ne pensate? Forte. Ho cercato di negoziare con Kehinde per avere meno capelli grigi, ma la sua integrità artistica non glielo ha consentito. Ho cercato anche di negoziare orecchie più piccole. Ma non ha funzionato lo stesso», ha detto Barack Obama dopo aver tolto il telo al dipinto che lo ritrae. Obama è ritratto seduto immerso in uno sfondo floreale, in cui spiccano il crisantemo, il fiore ufficiale di Chicago, da dove è iniziata la sua carriera politica,  il gelsomino che ricorda le Hawaii, la sua terra d’origine, e i gigli blu, per rappresentare le sue origini africane. 

«Wow», ha esclamato la moglie di Obama guardando il suo ritratto. Michelle è ritratta seduta, in abito lungo bianco, creazione del brand americano Milly ed ispirato da ‘The Quilts of Gee’s Bend’, le trapunte create da un gruppo di donne afro-americane che vive e lavora nell’isolata Gee’s Bend. Lo sfondo è di colore blu. La National Gallery, che quest’anno celebra il suo 50mo anniversario, ha la collezione completa di ritratti presidenziali al di fuori della Casa Bianca.

(Video tratto dal canale Youtube Business Insider)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore