mercoledì, Agosto 5

Stati Uniti – Cina: dazi, fine di una battaglia, ma non della guerra Ciascuna delle due parti si ritiene vincitrice, ma è solo il primo round

0

Ieri, a Washington, alla vigilia dell’avvio dell’iter dell’impeachment al Senato, il Presidente americano, Donald Trump, e il Vice Premier cinese Liu He, hanno firmato la ‘Fase Uno’ dell’accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina, dopo quasi due anni di trade war e serrati negoziati.

«Questa è un’occasione molto importante e straordinaria», ha dichiarato l’inquilino della Casa Bianca nel corso della cerimonia, precisando:  «Oggi facciamo un passo importante, uno che non è mai stato fatto prima con la Cina, verso un futuro di commercio equo e reciproco mentre firmiamo la ‘Fase Uno’ dello storico accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina. Insieme, stiamo sistemando i torti del passato e offrendo un futuro di giustizia economica e sicurezza per i lavoratori, gli agricoltori e le famiglie statunitensi. Voglio ringraziare il presidente Xi (Jinping), che sta guardando mentre parliamo, e andrò in Cina in un futuro non troppo lontano». Soddisfatto dell’intesa anche Xi che in una missiva ha rimarcato «l’importanza dell’accordo per il mondo intero».

In base alla prima fase dell’accordo, alcuni dazi resteranno in vigore, mentre altri saranno ridotti o posticipati. L’intesa ‘Fase Uno’ riguarda la protezione e l’applicazione della proprietà intellettuale, ponendo fine al trasferimento di tecnologia forzata; l’espansione degli acquisti agricoli statunitensi; la manipolazione di valuta; il riequilibrio delle relazioni commerciali Stati Uniti-Cina.

Dal canto loro, la Cina si è impegnata ad acquistare fino a 200 miliardi di dollari di beni statunitensi, compresi prodotti agricoli come soia e maiale. Prima della cerimonia della firma, il direttore del Consiglio economico nazionale Usa, Larry Kudlow, ha offerto maggiori dettagli sugli obiettivi di acquisto della Cina per ciascuno dei seguenti settori: agricoltura da 40 a 50 miliardi di dollari, più di quanto ammonta il valore dei prodotti agricoli acquistati dalla Cina in un anno dagli Stati Uniti (24 miliardi nel 2017); prodotti manifatturieri per 75 miliardi di dollari (autoveicoli e componentistica, aerei Boeing,  apparecchiature medicali e di semiconduttori); prodotti energetici per 50 miliardi di dollari (tra cui, greggio, gas naturale liquefatto (Lng), gas di petrolio liquefatto (Gpl)); servizi finanziari per 40 miliardi di dollari.

In compenso, gli Stati Uniti non faranno scattare da domenica 19 gennaio i dazi sull’ultima tranche di beni rimasti liberi, dai giocattoli agli articoli elettronici, per un totale di 156 miliardi di dollari. Inoltre vengono ridotte dal 15 al 7,5% le tariffe applicate dal 1 settembre 2019 su altri 120 miliardi di dollari. Resteranno vigore, invece, i dazi  del 25% su 250 miliardi di dollari di prodotti che gli Stati Uniti useranno come strumento di pressione per la seconda fase della trattativa, per l’inizio della quale il tycoon ha già annunciato che ben presto si recherà a Pechino.

Per facilitare l’intesa, a inizio settimana il Tesoro USA ha rimosso la Cina dalla lista dei Paesi accusati di manipolare la valuta contro il dollaro tanto che lo yuan due giorni fa è salito ai massimi da agosto. A questo riguardo, entrambi i Paesi, in questa ‘Fase Uno’, si sono impegnati a non utilizzare la svalutazione per aumentare la propria competitività.

Si ha l’impressione che si sia conclusa una battaglia, ma non la guerra. E chi ha vinto questo primo round? Gli Stati Uniti, la Cina o entrambi? Lo abbiamo chiesto a Ross Darrell Feingold, esperto del continente asiatico oltre che consulente.

 

Ieri è stato firmato l’accordo commerciale ‘Fase 1’ tra Cina e USA. Chi è il vincitore: Washington, Pechino o entrambi? Perché?
Dal punto di vista dell’amministrazione Trump, gli Stati Uniti sono il grande vincitore. Questo perché la maggior parte delle tariffe imposte dal 2018 non sono state rimosse e la Cina ha fatto concessioni su trasferimenti di tecnologia forzata, accesso al mercato dei servizi finanziari, protezione della proprietà intellettuale e impegno per l’acquisto di circa 200 milioni di dollari di beni nei prossimi due anni. Pertanto, dal punto di vista dell’amministrazione Trump, la loro strategia ha funzionato. Anche il governo cinese si considera vincitore. La maggior parte degli impegni previsti dall’accordo riguarda impegni che la Cina si era presa in precedenza. Gli acquisti sono simili a quelli che la Cina avrebbe acquistato comunque dagli Stati Uniti o da altre fonti. Le questioni fondamentali per la Cina, il modo in cui gestisce la sua economia e i sussidi alle imprese statali, non facevano parte dell’accordo di Fase Uno. La stabilità a breve termine è importante anche per i leader cinesi.
Perché i mercati hanno accolto in modo tiepido la firma di questo accordo?
Agli investitori piace la prevedibilità e questo accordo ne prevede alcuni a breve termine. Per le aziende statunitensi che vendono in Cina da fattorie o impianti di produzione statunitensi, possono iniziare a fare nuovi investimenti in attrezzature ed espansione, o anche lavoratori stagionali più alti per aiutare il commercio cinese. Per le società statunitensi che cercano di essere in Cina (come i mercati finanziari e l’industria tecnologica) questo accordo fornisce anche una certa certezza sotto forma di impegni di accesso al mercato. Pertanto, gli investitori compreranno le azioni di società che possono beneficiare dell’accordo di Fase Uno, quindi non sorprende che il mercato azionario abbia reagito calorosamente.
Ci puoi descrivere nel dettaglio cosa è stato stabilito nell’accordo?

 La Cina importerà 200 miliardi di dollari dagli Stati Uniti: nei prossimi due anni77 miliardi di dollari in manufatti (automobili, aerei, strumenti medici), 32 miliardi di dollari in prodotti agricoli, energia (gas naturale liquefatto e petrolio greggio) 52,4 miliardi di dollari.

Tariffe: gli Stati Uniti non imporranno nuove tariffe su 160 miliardi di dollari di beni cinesi, inclusi smartphone, elettronica e altri prodotti che avrebbero dovuto entrare in vigore il 15 dicembre 2019. Gli Stati Uniti avevano precedentemente ridotto la tariffa al 7,5% dal 15% su un altro 120 miliardi di dollari nei prodotti cinesi.

Apertura dei mercati agricoli: barriere non tariffarie imposte a numerosi settori agricoli, tra cui i latticini, le carni bovine e il pollame statunitensi. Ad esempio, la Cina ha bloccato il pollame americano nel 2015 dopo uno scoppio di influenza aviaria e ha mantenuto tale divieto fino a novembre 2019, molto tempo dopo la fine dello scoppio. L’accordo consentirebbe in parte l’importazione di tali beni imponendo alla Cina di riconoscere le ispezioni del Dipartimento dell’agricoltura e della sicurezza alimentare degli Stati Uniti, così come molti altri paesi in tutto il mondo.

Segreti commerciali: la Cina imporrà “procedure e sanzioni penali” per far fronte al furto di “segreti commerciali intenzionali”. Mentre l’accordo impone alla Cina di imporre sanzioni, manca di dettagli sulla dimensione delle sanzioni.

Tecnologia: la Cina non può esercitare pressioni “formali o informali” su una società americana per divulgare la tecnologia come condizione per garantire una licenza o un accesso al mercato.

Mercati finanziari: la Cina revocherà le normative sulle società finanziarie di proprietà degli Stati Uniti, tra cui titoli e compagnie assicurative. La Cina creerà un “processo di licenza migliorato e tempestivo” per consentire alle società statunitensi di vendere i propri servizi nel crescente settore dei pagamenti elettronici in Cina.

Applicazione: nella sezione relativa alle importazioni di merci statunitensi, l’accordo afferma che se la Cina non rispetta gli impegni “le consultazioni” devono aver luogo tra gli Stati Uniti e la Cina. In altre sezioni, l’accordo afferma che la Cina cambierà le sue pratiche, sebbene non ci siano obiettivi da raggiungere per la Cina. Inoltre, i negoziatori statunitensi e cinesi devono incontrarsi per consultazioni prima di ritorsioni o presentare una denuncia all’Organizzazione mondiale del commercio. L’accordo prevede 90 giorni per risolvere una controversia prima di ritorsioni o di presentare un reclamo all’OMC.

Quali sono i lati positivi dell’accordo secondo Washington?
Per le società statunitensi, è l’opportunità di vendere più beni e servizi in Cina, combinati con impegni per proteggere la proprietà intellettuale e non forzare le società statunitensi a trasferire tecnologia.
Quali sono i lati negativi dell’accordo secondo Washington?
 Sebbene il presidente Trump ritenga che l’accordo sia del tutto positivo, i critici sono preoccupati per la mancanza di specifiche e che l’accordo potrebbe non modificare il grave deficit commerciale tra gli Stati Uniti e la Cina.
Quali sono i lati positivi dell’accordo secondo Pechino?
La stabilità è ciò che Pechino vuole di più, seguita da una riduzione della pressione sulla sua economia. Questo accordo lo prevede a breve termine.
Quali sono i lati negativi del’accordo secondo Pechino?
 La Cina ovviamente lo negherà, ma la realtà è che c’è una certa perdita di faccia per la Cina in quanto ha fatto concessioni agli Stati Uniti dopo che gli Stati Uniti hanno imposto le tariffe. Anche se le concessioni sostanziali della Cina non sono nuove o non costringono la Cina a fare qualcosa che non avrebbe fatto indipendentemente dagli ultimi 18 mesi di “guerra commerciale”, Trump dirà che ha costretto la Cina a fare concessioni. La guerra di propaganda globale per questo accordo di Fase Uno sarà probabilmente vinta da Trump.
Visti i risultati, sono valsi i sacrifici che l’amministrazione Trump ha imposto all’economia americana in questi mesi? 
 Molti economisti sosterranno che il costo per il consumatore americano (che paga le tariffe) e il contribuente americano (che paga i sussidi per gli agricoltori) era troppo elevato. Gli economisti sosterranno inoltre che l’economia americana ha sofferto, poiché le imprese non hanno investito a causa dell’incertezza della controversia commerciale. Tuttavia, queste critiche devono essere considerate nel contesto di altre notizie positive sull’economia americana, tra cui una forte crescita del PIL, un grande mercato azionario e una bassa disoccupazione.
Sul lato della proprietà intellettuale e del trasferimento forzato di tecnologia da parte cinese, non cambierà nulla con questo primo accordo?
 La maggior parte degli esperti si aspetta che poco cambi. Anche con questi impegni, perseguire i ladri di proprietà intellettuale in Cina resterà difficile. I querelanti / le vittime di furto devono ancora affrontare un processo legale impegnativo per dimostrare le loro richieste. La parte del trasferimento forzato potrebbe comportare che le società cinesi semplicemente non offrano opportunità commerciali alle società statunitensi se la società statunitense rifiuta di condividere la tecnologia.
E sui sussidi che il governo cinese eroga alle proprie imprese, cambierà qualcosa? C’è il rischio che con questo accordo non diminuisca, ma aumenti il ruolo dello Stato cinese nell’economia?
Per ora nulla cambierà sui sussidi alle imprese statali o non statali. Questo è per la prossima fase di accordo. Certamente questo accordo non riduce il ruolo della pianificazione centrale e del controllo sull’economia. Lo dimostra l’impegno del governo cinese a effettuare acquisti per 200 miliardi di dollari. Tuttavia, la probabilità che un governo come quello cinese che abbia così tanto controllo sull’economia lascerebbe questo ruolo è sempre stata molto bassa. Quindi forse l’amministrazione Trump ha semplicemente a che fare con la realtà cinese piuttosto che insistere su impegni che il governo cinese riduca il suo ruolo nell’economia.
Come cambia, se cambia, con questo accordo, l’approccio americano su Huawei e il 5g cinese?
 Gli Stati Uniti hanno avuto successo nel mantenere Huawei e il 5G al di fuori dell’ambito dell’accordo di Fase Uno. Pertanto, per ora, i casi penali di Huawei continueranno a farsi strada attraverso il processo giudiziario (inclusa la potenziale estradizione di Meng Wanzhou negli Stati Uniti dal Canada). Le restrizioni sulle apparecchiature Huawei utilizzate negli Stati Uniti rimarranno, così come le restrizioni sulla vendita da parte di aziende statunitensi a Huawei di vari tipi di componenti. La Cina potrebbe essere disposta a rinunciare per ora. Possiamo vedere, tuttavia, che in tutto il mondo la Cina sta combattendo vigorosamente i tentativi degli Stati Uniti di persuadere i governi a vietare anche Huawei dalle reti 5G. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno registrato risultati contrastanti; sembra che la Cina potrebbe vincere questa battaglia.
E sull’apertura del mercato dei servizi finanziari cinese?
 C’è una cosa chiave da tenere a mente sui mercati finanziari. In un accordo come l’accordo di Fase Uno, la Cina può impegnarsi a consentire alle società statunitensi di possedere percentuali di una società finanziaria cinese, o addirittura del 100%; La Cina può impegnarsi a consentire alle società statunitensi di fornire una gamma di prodotti e servizi. Tuttavia, quando si tratta di ricevere l’approvazione normativa per l’acquisto di una società finanziaria cinese, o per crearne una nuova, o per ottenere l’approvazione normativa per offrire un nuovo prodotto o servizio, la velocità con cui i regolatori rilasciano le autorizzazioni rimarrà lenta e soggetta al relazione generale USA-Cina. Pertanto, gli impegni dell’accordo di Fase 1 sono importanti ma non garantiscono che si verifichi rapidamente l’accesso al mercato.
Sia Pechino che Washington si sono impegnati a non svalutare la moneta. Manterranno questa promessa 
 Per ora, possiamo aspettarci che la Cina mantenga questa promessa, a meno che le condizioni del mercato non cambino sostanzialmente. È nelle capacità della Cina, e alcuni sosterrebbero l’interesse della Cina, per mantenere la stabilità valutaria. Non solo una caduta troppo grande del valore del renminbi rispetto al dollaro USA causerà gli Stati Uniti ad accusare la Cina di violare l’accordo di Fase Uno, ma le conseguenze negative per l’economia cinese includono rendere il debito valutato in dollari USA più costoso per le società cinesi rimborserà e farà perdere agli investitori stranieri la fiducia nell’economia domestica (piuttosto che orientata all’esportazione). Dopotutto, gli investitori stranieri devono convertire i profitti realizzati in Cina dal renminbi in dollari USA.
Questo accordo è stato, come sostengono i critici, frettoloso e quindi senza risultati oppure, effettivamente, come dicono i supporters, non si poteva fare di meglio per una prima fase? Perché?
È impossibile sostenere che l’accordo di Fase 1 sia affrettato. I negoziati sono stati avviati e disattivati per un lungo periodo di tempo, più di un anno. Se l’accordo sarebbe potuto essere migliore, questa è una questione di opinione, sia parziale che imparziale. I critici di Trump diranno ovviamente che l’accordo è cattivo. Anche alcuni osservatori che di solito sostengono Trump diranno che l’accordo è stato troppo affrettato o che gli Stati Uniti hanno rinunciato troppo. Tuttavia, un’altra prospettiva è che entrambe le parti abbiano ottenuto il miglior accordo possibile in questo momento, nell’ambito del valido obiettivo degli Stati Uniti di portare un migliore equilibrio alle relazioni economiche bilaterali complessive.
Quanto hanno influito le imminenti elezioni presidenziali e l’impeachment in corso sulla firma di questa ‘Fase 1’?
Xi Jinping è fortunato, non deve affrontare gli elettori come fa Trump. Certamente le elezioni del novembre 2020 negli Stati Uniti incidono sul processo decisionale di Trump. Vuole offrire vittorie agli elettori e dirà che questo accordo di Fase Uno è una vittoria per le sue politiche. Deve solo discutere questo argomento per i prossimi 10 mesi e può preoccuparsi di altre questioni / Fase 2 dopo le elezioni, supponendo che sia rieletto. Nei prossimi dieci mesi, infatti, è probabile che la Cina riprenda gli acquisti di prodotti agricoli non solo perché l’accordo di Fase Uno richiede alla Cina di farlo, ma anche perché la Cina ha bisogno di questi prodotti alimentari. Quindi, per Trump, la data elettorale e i tempi di questo accordo hanno una relazione stretta. È improbabile che l’impeachment abbia avuto un impatto sul contenuto, o sulla velocità con cui è stato negoziato, della Fase Uno. La situazione di impeachment è sorta solo negli ultimi cinque mesi, mentre la controversia commerciale è già di circa due anni.
Trump ha rivendicato l’ottimo rapporto costruito con Xi Jinping. Elogiando il Presidente cinese, non pensi che venga meno un ‘nemico esterno’ da utilizzare nella retorica della campagna elettorale?
 Durante la campagna elettorale presidenziale Trump avrà una lunga lista di nemici da citare per aiutare i suoi sostenitori a essere più entusiasti. Questa lista comprende avversari politici nazionali come il candidato democratico alla presidenza dopo che uno ha vinto la nomination, i candidati che hanno perso la nomination democratica, il presidente della Camera dei rappresentanti Nancy Pelosi, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, l’ex candidato Hilary Clinton, Robert Mueller, James Comey e numerosi altri membri del Congresso e governi statali. I nemici stranieri di cui Trump parlerà includono qualsiasi leader con cui sta litigando (come il canadese Justin Trudeau), l’Iran e il Venezuela.
Pechino e Washington hanno sottolineato che questa intesa è vantaggiosa per ‘tutto il mondo’. Condividi?
 La Cina dovrà offrire alle compagnie di altri paesi lo stesso accesso al mercato che offre alle compagnie statunitensi. Le società straniere che fabbricano in Cina trarranno vantaggio dal fatto che hanno la certezza delle tariffe sui beni che fabbricano in Cina e che esportano negli Stati Uniti. L’Unione europea potrebbe anche accelerare i negoziati commerciali in corso con la Cina su vari argomenti in modo da ottenere un accordo migliore rispetto agli Stati Uniti. Gli argomenti degli Stati Uniti saranno più focalizzati nel mostrare ai suoi alleati che gli Stati Uniti possono opporsi alla Cina; sappiamo che a Trump piace dire che i suoi predecessori (Obama, Bush, Clinton) non hanno resistito alla Cina. L’amministrazione Trump incoraggerà quindi i suoi alleati a essere duri con la Cina. Dal punto di vista degli Stati Uniti, questo è positivo per il mondo in quanto renderà il sistema commerciale globale più equo e ridurrà l’influenza cinese.
Quali conseguenze ci potrebbero essere, secondo te, sui dossier di Taiwan e Hong Kong? 
 La certezza fornita dall’accordo di Fase Uno potrebbe ridurre la velocità con cui le aziende di Taiwan lasciano la Cina e trasferiscono la loro produzione a Taiwan. Pertanto, questo accordo comporta alcuni rischi per l’economia di Taiwan. Esiste anche il rischio politico che gli Stati Uniti non sosterranno Taiwan se il costo è un danno per l’economia americana. La tempistica della firma dell’accordo, solo pochi giorni dopo le elezioni presidenziali di Taiwan, mostra come gli interessi di Taiwan non siano sempre in linea con quelli statunitensi; l’accordo ebbe l’effetto di ridurre la copertura mediatica della rielezione di Tsai Ing-wen. Per Hong Kong, un maggiore commercio tra Stati Uniti e Cina è una grande notizia. Sebbene non ridurrà il numero di manifestanti, aiuterà almeno l’economia poiché alcuni scambi commerciali tra Stati Uniti e Cina transitano attraverso Hong Kong.
E sulle tensioni militari nel Mar Cinese Meridionale?
 Le tensioni militari nel Mar Cinese Meridionale continueranno. Fase uno o futuri accordi commerciali non affrontano questo tipo di argomento. Vediamo il recente modello di distinzioni tra le navi cinesi e quelle di altri paesi (recentemente Indonesia e Vietnam). Sembra che la Cina continuerà a provarlo per tutto il 2020. Le tensioni saranno probabilmente alte a meno che i negoziati sul “codice di condotta” tra Asean e Cina non possano essere completati e i requisiti del codice siano davvero abbastanza forti da costringere la Cina a non impegnarsi in provocazioni Azioni.
Cosa potrebbe accadere sul dossier della Corea del Nord? 
 Come altre questioni non commerciali, l’accordo di Fase 1 non include le questioni relative alla Corea del Nord. I funzionari del governo degli Stati Uniti sono sempre più frustrati dal fatto che la Cina non faccia abbastanza per le violazioni delle sanzioni da parte delle società cinesi e che recentemente la Cina stia fornendo un maggiore sostegno politico alla Corea del Nord, sia alle Nazioni Unite che a livello bilaterale. Tuttavia, per ora sembra che, finché Trump continuerà a dire pubblicamente cose positive su Kim Jong-un nell’interesse di impedire alla Corea del Nord di testare armi nucleari o tecnologia missilistica, Trump non criticherà pubblicamente Xi Jinping in merito a Il sostegno della Cina alla Corea del Nord.
Come viene visto questo primo accordo tra USA e Cina dalla Russia?
La Russia è fiduciosa che le sue vendite di armi militari in Cina, gli investimenti in entrata dalla Cina, in particolare nell’Estremo Oriente russo, e le vendite di energia, come ad esempio attraverso il gasdotto Power of Siberia recentemente aperto, assicurano un rapporto positivo con la Cina a breve e medio termine. Inoltre, la Russia e la Cina hanno condiviso le priorità in altre parti del mondo per contrastare l’influenza degli Stati Uniti, incluso in Medio Oriente, Africa e Sud America. Vladimir Putin continua a essere un maestro dell’intrigo, quindi, nello stesso momento in cui gli Stati Uniti e la Cina hanno firmato l’accordo di Fase Uno, Putin ha annunciato proposte di modifica della costituzione russa e le dimissioni del Primo Ministro Dmitry Medvedev e di altri ministri del governo. Questo evento ha ricevuto un’enorme quantità di attenzione da parte dei media globali, nonostante la speculazione che sia il primo passo di Putin verso l’estensione del suo controllo sul governo oltre gli attuali limiti costituzionali.
E come viene visto dai Paesi europei?
 L’obiettivo per l’Europa è garantire che le loro società ricevano la parità di trattamento rispetto a quelle che le società statunitensi hanno ricevuto nell’accordo di Fase Uno. È probabile che la Cina lo offrirà rapidamente all’Europa, per due motivi: uno è mantenere relazioni positive con l’Europa (e impedire ai leader europei di dare priorità a questioni come i diritti umani e la libertà religiosa) e due, per irritare gli Stati Uniti o causare umiliazione per Trump perché sembrerà che Trump non abbia ottenuto un accordo speciale
E’possibile che ora i Paesi europei diventino il nuovo bersaglio della guerra commerciale di Trump?
 Le tensioni sul commercio e altre questioni come la NATO sono aumentate con la Francia e Trump ha costantemente espresso la sua rabbia per i deficit commerciali degli Stati Uniti con la Germania. Se i funzionari del commercio dell’amministrazione Trump hanno le risorse (personale, finanziamenti, tempo) per concentrarsi su altre parti del mondo nel 2020, allora l’Europa è probabilmente un obiettivo. Sarà interessante vedere come il Regno Unito interverrà in questo, perché il Regno Unito vuole negoziare rapidamente accordi commerciali con Stati Uniti, UE e Cina.
Ci potrebbero essere conseguenze positive a livello delle varie crisi internazionali (Iran, Libia, Venezuela)?
 Questi argomenti non facevano parte dei negoziati commerciali che hanno portato all’accordo di fase uno. In effetti, è più probabile che ci sarà meno cooperazione USA-Cina su questi paesi, piuttosto che maggiore cooperazione. Se le tensioni commerciali diminuiscono, i governi della Cina e degli Stati Uniti cercheranno nuove questioni su cui combattere, come la loro competizione per l’influenza in diverse parti del mondo.
La Cina si è impegnata ad acquistare, entro il 2021, beni e servizi americani per 200 miliardi di dollari. Pechino riuscirà a mantenere tale promessa?
 La promessa di acquistare 200 miliardi di dollari entro la fine del 2021 sarà difficile da mantenere per la Cina. Il numero supera quello che la Cina ha acquistato prima dell’inizio delle controversie commerciali. Se l’economia cinese sta rallentando, sarà ancora più difficile raggiungere l’obiettivo di 200 miliardi di dollari. Molto probabilmente i leader cinesi hanno già pianificato la loro spiegazione per non aver raggiunto l’obiettivo.
The ‘Economist’ ha scritto: “Questo accordo non può nascondere come la relazione più importante del mondo sia nel momento più delicato”. Sei d’accordo?
 Le relazioni USA-Cina sono sempre delicate, anche quando le amministrazioni Bush e Obama stavano facendo sforzi per dialogare e promuovere scambi e interazioni tra persone nella speranza che il risultato sarebbe una Cina più amichevole. È facile dire che ora è più delicato, ma ci sono stati molti momenti pieni di tensione negli ultimi 20 anni. Una differenza però è che ora, almeno Trump e Xi sembrano avere una relazione uno a uno positiva. Forse non si fidano l’uno dell’altro, ma almeno sembrano piacersi. Questo in realtà non esisteva tra i recenti presidenti degli Stati Uniti e i leader cinesi.
Il fatto che i dazi possano essere di nuovo imposti in caso di inadempienza che segnale è?
 Il fatto che le tariffe possano essere imposte nuovamente se la Cina non rispetta l’accordo è semplicemente un buon negoziato da parte degli Stati Uniti. Sarebbe un brutto risultato per gli Stati Uniti se l’accordo non avesse meccanismi di applicazione e / o disposizioni di “snap back” per le tariffe. Questo è anche un altro punto di discussione che Trump userà nei prossimi mesi e sarà in grado di dire ai suoi sostenitori che ci sarà una punizione se la Cina non rispetterà l’accordo. Dato che molti stakeholder statunitensi sono scettici sul fatto che la Cina manterrà il suo impegno, e anche una buona politica per l’accordo di includerlo. Mostra anche che Trump stesso capisce che esiste una possibilità che la Cina non rispetterà, e forse Trump sta già pensando a cosa faranno gli Stati Uniti in risposta alla non conformità cinese.
Come inizierà e come si svilupperà la seconda fase delle trattative commerciali tra Cina e USA? 
I negoziati di Fase Due non dovrebbero iniziare quest’anno in sostanza anche se le due parti hanno incontri che includono una discussione sulla Fase Due. Quindi dovrà aspettare fino a dopo le elezioni presidenziali degli Stati Uniti. Dovremmo aspettarci un negoziato di Fase 2 molto difficile, inclusa la probabilità che le questioni che non abbiamo pensato oggi vengano aggiunte all’ordine del giorno. È possibile che i negoziati richiedano quindi molto tempo.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore