mercoledì, Ottobre 28

Sri Lanka: Rajapaksa contro il coronavirus e contro le elezioni Dopo il rinvio per la pandemia, il Presidente vuole evitare le elezioni. I partiti di opposizione e gli attivisti della società civile si rivolgono alla Corte suprema che, però, gli dà torto

0

Il governo dello Sri Lanka ha dichiarato la sua intenzione di governare senza controllo parlamentare per la prima volta nella storia moderna del Paese, suscitando, secondo Alan Keenan, osservatore di Crisis Group, potenzialmente una grave crisi costituzionale. Eletto a novembre e senza maggioranza in parlamento, il Presidente Gotabaya Rajapaksa ha colto la prima occasione per sciogliere la legislatura il 2 marzo e programmare le elezioni generali per il 25 aprile.

Poiché l’emergenza COVID-19 è diventata grave alla fine di marzo, la Commissione elettorale nazionale (NEC) ha ritardato il voto a tempo indeterminato. Con la costituzione che afferma che il Parlamento può rimanere sciolto per soli tre mesi in attesa di nuove elezioni, lo Sri Lanka ha vissuto in un territorio pericolosamente inesplorato. La commissione elettorale terrà una riunione speciale il prossimo lunedì per decidere la data delle elezioni parlamentari, ma, ha affermato Deshapriya, Presidente della NEC, “dovremo attuare tutte le linee guida sulla salute quando si terranno le elezioni sia durante la campagna elettorale che nel giorno delle elezioni”.

Gravi anomalie legali sono emerse rapidamente quando il governo ha preso provvedimenti per rispondere alla pandemia in assenza del parlamento. Ad esempio, le diverse task force di emergenza ad hoc nominate dal Presidente hanno in gran parte ignorato la legislazione esistente per la gestione delle catastrofi.

Ancora più importante, dice Keenan, il processo di definizione di una nuova data elettorale è in disordine costituzionale e pratico. Sebbene la costituzione sia chiara circa il limite di tre mesi, il NEC ha deciso di rinviare il voto fino a quando il virus non sarà controllato in modo sicuro. Prevedendo il dilemma costituzionale in corso, il NEC aveva prima chiesto al presidente di consultare la Corte suprema per il suo parere su come procedere, ma Rajapaksa ha rifiutato.

Sotto la pressione del governo di tenere le elezioni il più presto possibile, il NEC ha scelto il 20 giugno come nuova data, ignorando le argomentazioni secondo cui le condizioni non erano ancora abbastanza sicure per un’elezione libera ed equa con piena campagna elettorale. Il 20 maggio, gli avvocati del NEC hanno dichiarato alla Corte suprema che le elezioni non potevano essere tenute alla data proposta e che i preparativi per il voto avrebbero richiesto da nove a undici settimane dopo che i funzionari sanitari hanno dichiarato che le condizioni sono sicure. La prima data elettorale possibile cadrà quindi alla fine di luglio o all’inizio di agosto.

Data l’impossibilità di istituire un nuovo parlamento entro il 2 giugno, il modo più semplice per evitare una crisi costituzionale sarebbe che il presidente usasse i suoi poteri per ricordare il parlamento precedente prima che fosse raggiunto il termine di tre mesi. In uno scenario del genere, Rajapaksa sarebbe di nuovo in grado di sciogliere il parlamento, idealmente dopo aver approvato un bilancio a breve termine e la situazione sanitaria ha consentito lo svolgimento sicuro delle elezioni. Poiché l’intero mandato del parlamento attualmente sciolto non scadrà fino al 1 ° settembre, tenendo conto della regola dei tre mesi, le elezioni potrebbero aver luogo fino alla fine di novembre.

Nonostante la costituzione affermi chiaramente il contrario, Rajapaksa ha ripetutamente affermato di non avere il potere di riconvocare il Parlamento e ha ritenuto inevitabile la violazione del termine di tre mesi della costituzione.

I rischi inerenti alla regola extra-costituzionale sono resi più acuti non solo dalla crisi sanitaria in corso in Sri Lanka, che ha provocato due mesi di arresti dannosi in tutta l’isola.

Dalla sua elezione a novembre 2019, ma anche durante la pandemia, ricorda Keenan, il Presidente Rajapaksa, il cui fratello, Mahinda, è il Primo Ministro, ha dato a funzionari militari in pensione e attivi un ruolo senza precedenti. Alcuni sono credibilmente accusati di aver supervisionato gravi violazioni dei diritti umani durante gli ultimi anni della guerra civile del paese (1983-2009), quando Gotabaya era segretario alla difesa e Mahinda era presidente. Un numero significativo di loro sono membri dello stesso reggimento dell’esercito di Gajaba in cui Gotabaya prestò servizio negli anni ’80. La crisi COVID-19 ha visto il comandante dell’esercito a capo della task force nazionale e il personale militare responsabile di molti aspetti del controllo delle malattie.

Il 27 aprile, l’opposizione parlamentare ha invitato il Presidente a riconvocare l’assemblea sciolta. Citando la necessità di “lavorare insieme per il bene comune … nel mezzo di una crisi senza precedenti”, si è impegnata pubblicamente a sostenere le politiche del governo per combattere il COVID-19, ad approvare la legislazione necessaria per regolarizzare il coprifuoco e le altre normative sanitarie esecutive da marzo e approvare nuovi finanziamenti pubblici e aumento del tetto del debito. Il Presidente e i suoi alti funzionari hanno respinto l’offerta, respingendola come parte di una ‘agenda politica ristretta’ progettata per evitare elezioni anticipate che l’opposizione è quasi certa di perdere. Il principale partito nazionale unito dell’opposizione, già impopolare dopo il suo mandato al governo 2015-2019, si è diviso in due in seguito alla decisiva vittoria del Presidente Rajapaksa sul suo candidato nel novembre 2019.

Non solo esistono chiare disposizioni costituzionali per gestire la situazione, ma anche dal punto di vista dei normali interessi politici di un governo, il partito Podujana Peramuna del presidente dello Sri Lanka è quasi garantito una grande vittoria ogni volta che si svolgono le elezioni. Con l’opposizione in disordine e il Presidente più popolare che mai grazie al successo del governo finora nel contenere COVID-19 (solo dieci morti registrati da poco più di 1.000 casi confermati), il governo Rajapaksa appare invincibile.

In questo contesto, il suo apparente rifiuto di accettare i modesti vincoli della supervisione parlamentare sembra confermare le diffuse paure di un dirigente determinato a governare senza controlli significativi sul suo potere. Rajapaksa e il suo entourage hanno chiarito dalla sua elezione lo scorso anno che una delle loro massime priorità è quella di rafforzare significativamente i poteri presidenziali, che sostengono fossero pericolosamente indeboliti dal diciannovesimo emendamento alla costituzione, adottato quasi all’unanimità dal Parlamento nell’aprile 2015. Per modificare la Costituzione, il governo avrà bisogno di una maggioranza dei due terzi in parlamento – difficile da raggiungere a causa del sistema di voto.

Con il tempo che scorre verso una crisi costituzionale, i partiti di opposizione e gli attivisti della società civile si sono rivolti alla Corte suprema. Il 18 maggio, il tribunale ha iniziato a sentire argomenti in sette petizioni separate sui ‘diritti fondamentali’ che chiedevano la riconciliazione immediata del parlamento e sfidavano la legalità delle continue spese e prestiti dell’amministrazione. Un certo numero di firmatari sostiene che una volta chiarito che la pandemia renderebbe impossibile avere un’elezione entro i tre mesi previsti, la dichiarazione originale del presidente che scioglie il parlamento è stata automaticamente resa nulla. Secondo questa interpretazione della Costituzione, ogni elezione che si terrà dopo il 2 giugno sarebbe illegale se il Parlamento non venisse richiamato per la prima volta e l’orologio costituzionale fosse ripristinato. Gli avvocati del Presidente e del suo partito, d’altra parte, stanno cercando di convincere la corte a respingere le petizioni per motivi procedurali, accusando i firmatari di aspettare troppo a lungo per archiviare il caso e agire in malafede, cercando di evitare le elezioni che avrebbero probabilmente perdere. Dopo 10 giorni di audizione, la Corte Suprema ha, però, respinto all’unanimità tutte le petizioni e ha rifiutato di concedere il permesso di procedere.

Le critiche sarebbero particolarmente forti se le elezioni si tenessero in un momento in cui le restrizioni sanitarie legate al virus limitavano la capacità di fare campagna liberamente. Sebbene sia improbabile una resistenza violenta immediata, il danno a lungo termine derivante dalla forzatura attraverso un’elezione a condizioni incostituzionali e in condizioni non sicure potrebbe essere considerevole. Lo Sri Lanka, ricorda Keenan, ha vissuto i suoi peggiori periodi di violenza politica proprio quando la porta del cambiamento attraverso le elezioni e la protesta non violenta è apparsa chiusa, sia per i giovani tamil negli anni ’70 che per quelli singalesi negli anni ’80.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore