giovedì, Dicembre 12

Spotify: nuovi guai legali per i diritti d’ autore 1,6 miliardi di dollari è il valore della causa intentata dall' editore musicale Wixen Music Publishing

0

1,6 miliardi di dollari è il valore della causa cui Spotify è chiamata a far fronte per rispondere all’ accusa di violazione dei diritti d’ autore. A intraprenderla, l’editore musicale Wixen Music Publishing, titolare esclusivo delle licenze di canzoni di numerosi artisti: tra questi, David Cassidy, Tom Petty, Stevie Nicks, Tom Morello dei Rage Against the Machine, Donald Fagen dei Steely Dan, Neil Young, convinto dell’ abuso del gigante svedese della musica.

Secondo la causa depositata lo scorso venerdì presso un tribunale della California, Spotify avrebbe fatto ascoltare  ai propri utenti canzoni di cui non era titolare del diritto d’ autore, non riconoscendo, al vero titolare, gli adeguati pagamenti. «Di conseguenza Spotify ha costruito un business miliardario sulle spalle degli autori e degli editori la cui musica sta utilizzando, in molti casi senza ottenere e pagare le licenze necessarie» è scritto nel documento.

Ma per la piattaforma streaming che, fondata nel 2011 negli Stati Uniti,  ad oggi conta più di 200 milioni di utenti tra attivi e abbonati e che si prepara a quotarsi in borsa, non è il primo guaio legale in materia di licenze. Già nel maggio 2017, Spotify era stata costretta ad accordarsi per un pagamento da 43 milioni di dollari così da evitare una class action da parte di David LoweryMelissa Ferrick. Due mesi dopo, invece, erano state intentate altre due cause da parte di due editori musicali, Rob Gaudino e Bluewater Music.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore