giovedì, Ottobre 22

Spazio: 2017, viaggio interstellare là dove nessun uomo è mai giunto prima Da Juno a caccia dei segreti di Giove al lavoro della Cassini su Saturno, all’asteroide Oumuamua, e molto altro, ecco tutto quel che abbiamo scoperto dello spazio nel 2017

0
1 2 3 4 5 6


Dici spazio e … Come tutti gli anni, anche il 2017 ci ha regalato numerose scoperte scientifiche che ampliano la conoscenza globale e spingono a cercare sempre più risposte, e soprattutto a fare sempre più domande, su tutto ciò che è attorno a noi. Un grande sviluppo quest’anno ce l’ha regalato l’astronomia, questa meravigliosa disciplina scientifica che nasce dalla paura prima e dalla curiosità poi per l’enormità del cielo. Partiamo, quindi, per questo viaggio interstellare lungo lo spazio ed il tempo, come se fossimo parte di un equipaggio di Star Trek.

Juno a caccia dei segreti di Giove

All’interno nel nostro sistema solare, quest’anno abbiamo ricevuto un’enorme quantità di informazioni, quasi tutte sorprendenti, dall’analisi che la sonda Juno della NASA sta effettuando sul pianeta gigante del sistema, ossia Giove.
La sonda, partita nel 2011, ha effettuato fino adesso 8 sorvoli attorno all’enorme corpo celeste. Giove, che da solo ha una massa pari a quasi due volte e mezzo quella di tutti gli altri pianeti messi assieme, ben merita il nome del più importante degli dei. La composizione del pianeta, sia dell’atmosfera sia della parte solida, risulta dalle misurazioni effettuate da Juno molto più complessa di come si era sempre creduto finora, con l’atmosfera composta da diversi strati di gas che circondano la parte solida in un curioso modello ‘a cipolla’ e che ruotano a velocità diverse. Anche la parte solida del pianeta, nucleo incluso, ci ha riservato diverse sorprese mostrando profonde variazioni del proprio campo gravitazionale, che sarebbe quindi molto più irregolare di ciò che ci si aspettava. Sono tutte nuove informazioni che hanno generato molte più domande delle risposte che hanno fornito, ed a cui si sta cercando di dare una spiegazione mentre la sonda prosegue la sua missione, che terminerà nel 2018.

Il video qui sotto (in inglese) mostra un riassunto di tutte le scoperte fatte da Juno fino al suo sesto sorvolo, qualche mese fa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore