mercoledì, Marzo 20

SpaceX, ecco il nuovo test del Falcon Heavy A bordo non ci sarà un equipaggio né alcun carico utile, ma solo un bizzarro passeggero: l'auto sportiva elettrica Tesla Roadster

0

Il Falcon Heavy, il razzo della SpaceX che in futuro potrebbe portare equipaggi umani in orbita, è pronto per un nuovo lancio di prova che avverrà oggi alle 19.30 orario italiano dal Kennedy Space Center a Cape Canaveral (Florida).

A bordo non ci sarà un equipaggio né alcun carico utile, ma solo un bizzarro passeggero: l’auto sportiva elettrica Tesla Roadster, della casa automobilistica del fondatore di SpaceX, Elon Musk. Con i suoi 70 metri di altezza e i suoi 27 motori, il super lanciatore di SpaceX è il più potente mai costruito, e può essere visto come la somma di tre Falcon 9. È in grado di trasportare il doppio del carico del suo ‘rivale’ più prossimo, il Delta IV Heavy costruito dalla United Launch Alliance. Obiettivo a lungo termine del nuovo Falcon Heavy è il trasporto di equipaggi umani nelle prossime missioni verso la Luna, già promesse per il 2018, e verso Marte.

Dopo la partenza, il Falcon Heavy si dirigerà ad est della Florida, sull’Oceano Atlantico, e una volta in orbita libererà la Tesla rosso ciliegia a una velocità tale da sfuggire alla gravità della Terra e su una traiettoria che la porterà verso l’orbita di Marte.

Cruciale sarà anche la prova di atterraggio autonomo del primo stadio. Caratteristica importante del Falcon Heavy è, infatti, la capacità del primo stadio di essere riutilizzato, come il Falcon 9. Dopo il distacco dal livello superiore, i due razzi laterali si dirigeranno verso Cape Canaveral, dove è previsto l’atterraggio, mentre il nucleo centrale atterrerà su una piattaforma nell’Oceano Atlantico. Il tutto sulle note di ‘Life on Mars’ di David Bowie.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.