sabato, Agosto 8

SpaceX manda in orbita Hispasat 30W-6, il satellite per la banda larga Supporterà la trasmissione dati dalle Americhe e dai Caraibi al Nord Africa, all’Europa e al Mediterraneo, con particolare focus sulla Spagna

0

SpaceX ha lanciato nelle ultime ore il suo cinquantesimo Falcon 9 portando nello spazio il satellite geostazionario spagnolo Hispasat 30W-6 che completerà una missione della durata prevista di 15 anni fungendo da ripetitore per la trasmissione dati e video a banda larga tra l’America, l’Europa e il Nord Africa.

Costruito da Space Systems e Loral a Palo Alto in California, Hispasat 30W-6 è uno dei satelliti geostazionari per telecomunicazioni più pesanti che siano stati lanciati su un Falcon 9 (6,1 tonnellate) e trasporta un payload di comunicazione tri-band ad ampia portata che supporterà la trasmissione dati dalle Americhe e dai Caraibi al Nord Africa, all’Europa e al Mediterraneo, con particolare focus sulla penisola Iberica.

Con la combinazione di Hispasat 30W-6 e di un precedente satellite Hispasat lanciato lo scorso anno, più di 30.000 case in Spagna e in parte del Marocco avranno accesso a servizi Internet ad alta velocità via satellite. Hispasat 30W-6, precedentemente noto come Hispasat 1F, consentirà anche la connettività su navi e treni nella regione caraibica e nel Mediterraneo.

Il programma di lancio di SpaceX comprende ben 30 missioni nel calendario di quest’anno. La prossima missione sarà quella di rifornimento verso la Stazione Spaziale Internazionale e avverrà il 2 aprile da Cape Canaveral, seguita non prima del 5 aprile dal lancio del primo satellite per le telecomunicazioni del Bangladesh. Il lancio del telescopio TESS della NASA progettato per la ricerca di pianeti extrasolari, è previsto per il 16 aprile.

(video tratto dal canale Youtube di IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore