sabato, Maggio 30

Somalia, è allarme siccità e colera

0

Un Paese in ginocchio. Parliamo della Somalia, che dopo la siccità è alle prese con una vera e propria epidemia di colera. Più di 8.400 i casi, di cui 200 mortali, solo dall’inizio dell’anno. E se non si interviene subito, il Paese rischia numeri ben peggiori di quelli visti nel 2011, quando a morire furono oltre 250.000 persone. A dirlo è Save the Children, secondo cui nel 2017 inoltre circa un milione di bambini potrebbero risultare malnutriti, con almeno 200.000 che rischiano di morire a causa di gravi forme di malnutrizione.

Ma non finisce qui. A causa della grave siccità, si stima che già 250.000 persone siano state costrette ad abbandonare la Somalia, mentre circa 6,2 milioni di persone, pari a quasi la metà della popolazione, hanno urgente bisogno di aiuto per via dell’insicurezza alimentare.

L’Organizzazione chiede ai donatori, ai Paesi del G7 e alle agenzie delle Nazioni Unite di stanziare urgentemente fondi per la Somalia. Entro giugno sono necessari 825 milioni di dollari, ma ad oggi è stata raggiunta solo la metà di questa cifra.

E non è tutto, perché non più tardi di due giorni un doppio attentato con autobombe ha scosso la capitale Mogadiscio. E gli attacchi portano la firma del gruppo jihadista al-Shabaab. Il primo ha colpito un albergo centrale, mentre il secondo una base militare.  Il primo ministro somalo Hassan Ali Khaire ha condannato i due attacchi affermando che sono stati compiuti da ‘bande criminali assetate di sangue’.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.