sabato, Luglio 11

'Soli ma insieme' per affrontare il lutto Con l'albero dei ricordi la morte fa meno paura

0
1 2


La morte fa parte della vita, è difficile accettare che una persona a noi cara scompaia in poco mendo di due minuti ma è così. Si nasce per poi morire, se vogliamo dirla come Ivana Spagna questo è ‘il cerchio della vita’ ma, quando il cerchio si chiude per qualcuno, tanti altri ne restano fuori, rimangono in vita come in una sorta di attesa, di trans, almeno per i primi giorni dopo la dipartita del nostro caro.

Accettare la morte di un genitore, di un amico (per non parlare poi di un figlio) è già difficile per una persona adulta ma, se a dover subire questo ‘trauma naturale’ è un bambino o un adolescente tutto si acuisce ancora di più. Spesso non si bada al dolore che può provare un bambino di sei anni alla perdita di un nonno, si pensa che basti non fargli vedere il corpo senza vita, basti non portarlo al funerale o al cimitero per la tumulazione o la cremazione, si crede, sbagliando, che sia semplice raccontargli la storiella che il nonno sia dovuto partire per un lungo viaggio e che la sua sedia resterà vuota per tanto tempo, oppure che ‘la nonna adesso vive in un posto migliore e che, in un modo o nell’altro, rimarrà sempre vicino ai suoi cari’. Il dolore di un bambino è uguale al dolore di un adulto, anzi, spesso è più forte ma, nella quasi totalità dei casi viene sottovalutato.

In Italia, per aiutare le famiglie che hanno subito un lutto e per dare ascolto a bambini e ragazzi è nato l’associazione online ‘Soli ma insieme’ (www.solimainsieme.it), una onlus virtuale potremmo definirla riducendo ai minimi termini l’operato delle persone che lavorano al progetto. In realtà operano due organizzazioni no profit:FILE – Fondazione Italiana di Leniterapia Onlus  di Firenze e Gruppo Eventi – Formazione e Sostegno di Roma.

FILE – Fondazione Italiana di Leniterapia Onlus nasce a Firenze nel 2002 come punto di riferimento in ambito nazionale per la diffusione delle cure palliative, rinominandole “leniterapia”. Sul territorio toscano i suoi operatori sanitari e i suoi volontari prestano assistenza gratuita ai malati gravi in Hospice e a domicilio in collaborazione con le strutture pubbliche, dando supporto anche ai familiari. Da alcuni anni FILE ha realizzato il progetto B.E.P.P.E. (Bambini Elaborazione della Perdita: Pensieri ed Emozioni) finalizzato ad alleviare le sofferenze dei giovani che hanno subito una perdita, attraverso iniziative e strumenti.

Gruppo Eventi – Formazione e Sostegno è un’associazione di promozione sociale nata a Roma nel 1996. Nel corso degli anni ha svolto un’opera di sensibilizzazione culturale sui temi della malattia, della morte e del lutto ed iniziative formative rivolte ad operatori e volontari di settore. Inoltre, ha realizzato un sito unico in Italia per rispondere ai bisogni di informazione, accompagnamento e condivisione degli adulti che affrontano al perdita di una persona cara. Dal 2000 fa parte del coordinamento nazionale dei gruppi di auto-mutuo aiuto.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore