giovedì, Luglio 18

Smartwatch: guida all’acquisto dei modelli più tecnologici Ecco i fattori da tenere in considerazione per scegliere il prodotto migliore

0

Gli smartwatch stanno conquistando il mercato così come lo è stato per gli smartphone. Sul mercato ci sono tantissimi prodotti e la scelta dello prodotto perfetto può richiedere tempo. Tra le tante caratteristiche bisogna considerare i giga di memoria, i pixel, il bluetooth, wifi, gps e tutti i tracker a disposizione. Noi abbiamo deciso di aiutarvi nella scelta dei migliori smartwatch.

Cosa considerare

Tanti i fattori da tenere in considerazione quando si parla di acquistarne uno. Innanzitutto l’autonomia, il display, il sistema operativo e le funzioni. Tra i tanti, vediamo insieme quali sono i migliori smartwatch.

Il Pebble Time Smartwatch

Il Pebble Time Smartwatch ha un design accattivante. È disponibile in un cinturino in gomma, o un cinturino in acciaio per coloro che vogliono avere una scelta. L’orologio che ho viene fornito con il cinturino in acciaio, e devo dire, sembra premium per il prezzo.

Il Pebble Time Smartwatch ha un display a colori riflettente sempre acceso che sembra abbastanza buono, ma si trova sul lato oscurante quando lo si guarda sotto la luce diretta del sole. È inoltre dotato di resistenza all’acqua, che consente di indossare l’orologio anche nelle docce o sotto la pioggia.

Samsung Gear S3 Frontier

Samsung si conferma al centro del mondo di questa tipologia di dispositivi con Gear S3 Frontier. Rilasciato all’inizio di quest’anno, l’S3 si concentra su tutto ciò che era giusto nelle versioni precedenti, e aggiunge ancora più funzioni di prima. A differenza di alcuni degli altri dispositivi presenti sul mercato, il Gear S3 non gira su Android Wear, ma sul sistema operativo Samsung chiamato Tizen. Samsung ha recentemente spinto un aggiornato a questo orologio, che consente di salvare offline Spotify playlist su 4GB di storage.

Questa caratteristica rende la mia vita facile perché non devo più fare affidamento sulla mia connessione dati per ascoltare la musica ogni volta che sono fuori. Il Gear S3 ha un display animato sempre acceso, e a differenza di alcuni degli altri orologi che uso su base standard, questo è uno splendido display, per gentile concessione di Samsung.

Motorola Moto 360 Sport

Il Motorola Moto 360 Sport è costruito per chi preferisce rimanere attivo e praticare sport. Non c’è nulla che impedirà ad un consumatore medio di utilizzare questo prodotto. Questo device in questione utilizza una tecnologia intelligente che Motorola chiama AnyLight display.

Quando l’utente sta guardando l’orologio sotto la luce normale, e sta attivamente utilizzando l’orologio, sembra uno schermo LCD standard.

Xiaomi Amazfit Sport

Xiaomi è stata una delle migliori aziende sul mercato rilasciando alcuni fantastici prodotti a basso costo. L’Amazfit ha un bel design e anche la qualità costruttiva. E ‘proprio la giusta quantità di classe con elementi appariscenti e non mi dispiace affatto. Utilizza lo stesso display transreflex che sta diventando sempre più comune nella maggior parte degli smartwatch che escono.

FitBit Versa

Fitbit Versa è pensato per gli amanti delle attività sportive ma anche per chi vuole avere le notifiche al polso e la possibilità di pagare senza usare lo smartphone. È dotato di schermo touch con una risoluzione di 300 x 300 pixel, connessione Bluetooth per il collegamento allo smartphone, misuratore di battito cardiaco, ricevitore GPS, e sensori per il conteggio dei passi, calorie consumate e monitoraggio del sonno.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore