domenica, Agosto 25

Siria: Pokemon Go per salvare i bambini field_506ffbaa4a8d4

0

Mentre Pokemon Goun videogioco di realtà assistita geolocalizzata con GPS per smartphone– spopola, in Siria continua il conflitto che negli ultimi cinque anni ha provocato la morte di 470mila persone.

‘Trovateci e venite a salvarci’, è questo l’appello proveniente dai bambini siriani e rivolto a tutta la comunità internazionale che, con i disegni dei Pokemon in mano, chiedono di essere ‘catturati’ e ‘salvati’, al posto dei mostriciattoli giapponesi tanto famosi nel mondo. Così, prendendo spunto dal gioco Nintendo che in queste ultime settimane sta spopolando in ogni angolo del web, alcune Ong operanti in Siria hanno deciso di dare il via ad una campagna sui social network che invita a riflettere sulla condizione dei bambini che si trovano nelle terre siriane e lanciano un appello alla comunità internazionale: gli scatti sono stati pubblicati su Twitter dall’organo di comunicazione delle forze rivoluzionarie siriane -che riuniscono diverse opposizioni al regime di Assad- e non hanno voluto rivelare chi abbia organizzato la campagna.

Le foto pubblicate su Twitter immortalano bambini e ragazzini siriani con in mano un foglio raffigurante un Pokemon accompagnato da una scritta in arabo che dice ‘Sono di Kfarzita, venite a salvarmi!’, oppure ‘Io sono di Kfarnabbude, salvatemi’. Si tratta di località della regione nord-occidentale di Idlib e che da mesi vengono giornalmente colpite da bombe da parte di aerei russi e governativi.

 

 

(video tratto dal canale YouTube di NewsBeat Social)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore