venerdì, Aprile 26

Sindone: un passato ancora da scrivere

0

La storia conosciuta -ovvero, sicuramente tracciata da documenti- della Sindone di Torino inizia negli anni 1389-1390, a Lirey -Francia settentrionale.  E’ da qui che dobbiamo partire per ricostruire la storia conosciuta della Sindone. Non esistono tracce documentali certe prima di quella data.
Il dato è, allo stato attuale delle ricerche, incontrovertibile e accettato da tutti gli studiosi del Telo, sia dai così detti ‘autenticisti’ (gli studiosi che ritengono che la Sindone di Torino sia il lenzuolo funerario di Gesù il Nazareno) sia dai ‘non autenticisti’ (gli studiosi che la ritengono un manufatto medioevale).

Dal 1390 non ci saranno lacune storiche riguardo alle vicende cui è andato incontro il Telo. E’ la storia antica, dunque, che rappresenta l’interrogativo aperto per quanto attiene la ricostruzione del passato dell’oggetto, o, se la storia antica non esistesse in quanto manufatto medioevale, ilquandol’oggetto sarebbe stato realizzato, ‘dove’, ‘come’, e ‘chilo avrebbe prodotto per trovarlo in scena a fine del quattordicesimo secolo a Lirey.

Due le posizioni in campo: quella degli studiosi ‘non autenticisti’, i quali ritengono che la Sindone sia un ‘manufatto’ medioevale -ai quali, appunto, manca la definizione della ‘nascita’ dell’oggetto e si fermano alla sola presa d’atto che esso appare dal nulla sulla scena della storia- e quella degli ‘autenticisti’, i quali lavorano di ipotesi e continuano le ricerche nel tentativo di ricostruire la storia antica che, a loro avviso, invece, esiste, essendo per davvero la sindone del Nazareno.

Andrea Nicolotti, studioso di Storia del Cristianesimo e ricercatore presso l’Università di Torino, che da qualche anno si dedica alle ricerche storiche sul Telo, e che in questi giorni ha mandato in libreria un nuovo libro sull’oggetto (‘Sindone. Storia e leggende di una reliquia controversa’, edito da Einaudi), in questo servizio ricostruisce l’ingresso della Sindone nella storia e le ‘leggende’ sulla storia antica dell’oggetto che nel corso del tempo sono sorte nel tentativo -‘disperato’ dice lui- di dare un passato a un oggetto che un passato non ce l’ha.

Filippo Burgarella, docente di Storia bizantina presso l’Università degli Studi della Calabria, in questo servizio presenta il lavoro delle sue ricerche storiche che confermerebbero la tesi secondo la quale il Mandylion -apparso a Edessa, in Turchia-, la cui prima traccia documentale riusale al 339 – 340, sarebbe la Sindone che, circa mille anni dopo, fatto un passaggio in Grecia, troveremo a Lirey, e, finalmente, oggi a Torino.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore