sabato, Agosto 15

Sigarette elettroniche contro il fumo: cosa sappiamo veramente? Ci sono molte informazioni contrastanti in merito. Facciamo chiarezza

0

Le sigarette elettroniche di solito contengono nicotina e possono contenere anche altre sostanze nocive. Ci sono quindi molte informazioni contrastanti in merito. A tale proposito abbiamo ancora molto da imparare, per cui vediamo attualmente cosa sappiamo per poi tirare le dovute somme. 

Cosa sono le sigarette elettroniche?

Le sigarette elettroniche sono conosciute con molti nomi diversi; infatti, spesso vengono chiamate e-cigs, e-hookah, vaporizzatori o ancora penne per vaporizzatori. Inoltre va sottolineato che esistono in diverse forme e dimensioni: alcune sembrano simili ad una sigaretta, altre invece si presentano di diverse forme geometriche.  

Premesso ciò, molti di noi hanno visto annunci o storie su Internet che affermano che le sigarette elettroniche non sono dannose o che sono un buon modo per aiutare i fumatori a smettere di fumare. 

Tuttavia, medici e ricercatori hanno ancora molto da imparare sugli effettivi benefici che le sigarette elettroniche possono avere sulla salute. Infatti sicuramente sono meno dannose per i polmoni, ma ciò non toglie che siano al 100% innocue.

Esistono infiniti tipi di sigarette elettroniche

Uno dei punti a favore della diffusione di questi vaporizzatori è, senza ombra di dubbio, il numero di prodotti che hai nel mercato. Esistono vaporizzatori di ogni forma e colore, tutti rigorosamente senza fumo e tabacco, con un apparato tecnologico capace di ridurre i rischi per la salute del consumatore. Insomma, le sigarette elettroniche sono per tutti: coloro che le mettono in borsa, chi lo tiene sul comodino e anche chi guida tutto il giorno.

Come funzionano le sigarette elettroniche?

Le sigarette elettroniche sono dispositivi alimentati a batteria che funzionano riscaldando un liquido che l’utente poi inspira ed espira. Il liquido per sigarette elettroniche in genere contiene nicotina, glicole propilenico, glicerina, aromi e altri prodotti chimici. La nicotina è la sostanza che crea dipendenza ed è presente nelle sigarette normali e in altri prodotti del tabacco. 

Le sigarette elettroniche sono legali?

Le aziende che producono o vendono sigarette elettroniche devono seguire alcune norme in merito al loro uso. Ad esempio, solo le persone di età pari o superiore a 18 anni possono acquistare sigarette elettroniche. Detto ciò, va altresì aggiunto che alcuni ricercatori stanno lavorando duramente per raccogliere maggiori informazioni sulle sigarette elettroniche e su come vengono utilizzate. 

Queste informazioni possono portare a ulteriori regolamenti e potrebbero quindi essere utili per informare il pubblico su ciò che è in esse contenuto e sui potenziali rischi specie in caso di utilizzo improprio.

Quali sono i rischi per la salute delle sigarette elettroniche?

Rispetto alle sigarette normali, quelle elettroniche sono sul mercato da poco tempo (circa 11 anni). Gli scienziati le stanno ancora studiando per capire come il loro utilizzo influisce sulla salute delle persone. Al momento ecco cosa sanno medici e ricercatori:

Le sigarette elettroniche di solito contengono nicotina per cui sono dannose per i giovani e per le donne in gravidanza.  Sebbene ci sia ancora molto da imparare è evidente che gli effetti dannosi sulla salute dell’uso delle sigarette elettroniche fanno sì che adolescenti e giovani adulti non debbano usarli o quantomeno farne abuso. 

Le sigarette elettroniche possono aiutare le persone a smettere di fumare?

Le sigarette elettroniche non sono state ancora approvate come aiuto per smettere di fumare. Finora, la ricerca mostra che ci sono prove limitate che siano efficaci per aiutare i fumatori a smettere. 

Esistono però anche alcune prove certe che le sostanze certificate non fanno male alla salute anche se è sempre opportuno acquistare il liquido in centri autorizzati poiché questi ultimi ne certificano la provenienza e gli ingredienti che per legge (come sugli alimenti) devono essere citati poiché alcune persone potrebbero essere allergiche. 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore