venerdì, Ottobre 18

Sicurezza informatica: hacker creativi e le nuove sfide per il futuro È guerra aperta tra cybercriminali e nuovi sistemi di sicurezza

0

Il web ci ha dato accesso ad un mondo potenzialmente produttivo in ambito economico, personale e chi più ne ha più ne metta. Basti pensare a tutti i nuovissimi profili professionali che sono nati con internet e che vivono e si sviluppano costantemente sul web. La controparte negativa è che nella rete le risorse sono infinite non solo per i buoni cittadini ma anche per i malfattori

Non stiamo parlando soltanto di poter spiare uno smartphone, ma con questo intendiamo dire che siamo di fronte ad hacker sempre più specializzati su vari fronti, che di certo oltre alla rete sfruttano anche la loro creatività. Memorabile è ad esempio il caso del Darkhotel, cioè della compagnia specializzata nello spionaggio negli hotel di lusso. In pratica nel momento in cui gli ospiti di un hotel si collegano alla sua rete, viene richiesto loro di installare un software che in realtà soddisfa lo scopo dei pirati del web di rubarne i dati. 

Recentemente invece dalla Russia giunge un’altra notizia su altre tipologie di attacco che passano per la rete e che questa volta riguardano invece i contatori di casa. Sembra assurdo eppure dei malintenzionati ‘professionisti’ sarebbero riusciti a manipolare gli smart meters presenti nelle case. Si tratta cioè di quei dispositivi che, attraverso una serie di sensori, sono in grado di misurare determinati consumi domestici. Anche questa è una situazione a dir poco allarmante, se consideriamo che possibili malfunzionamenti derivanti da tali pratiche vanno ad inficiare la credibilità dell’azienda che eroga il servizio. Non secondari sono anche i danni che può subire l’utenza che ne usufruisce.

Questo spiega perché l’attenzione sulla sicurezza è più alta che mai e anche nella navigazione sui vari siti si è cercato di dare agli utenti maggiori strumenti per imparare a riconoscere i portali sicuri e legali. Anche lo Stato in molti casi ha contribuito a fare la sua parte. Nell’ambito del gaming, ad esempio, l’Agenzia del Monopoli di Stato ha messo a punto diverse misure per contrastare l’illegalità. I siti certificati sono comprovati dalla presenza del logo AAMS e online è possibile consultare un portale con una raccolta dei migliori casino online legali utile anche solo a livello informativo. 

Un altro importante passo in avanti per rendere i siti più sicuri è stato fatto attraverso il passaggio dal protocollo HTTP al protocollo di sicurezza HTTPS. Di certo non tutti i problemi sono risolti, ma l’intento sul quale di fatto si sta lavorando con determinazione ha come obiettivo principale quello di limitare il più possibile i rischi per gli utenti.  

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore