giovedì, Marzo 21

Sherwood Festival: la musica a solo un euro Intervista a Fabio Gallo, giornalista e pubblicitario, da sempre fra musica, concerti e festival

0
1 2


Torna immancabile, come da decenni senza interruzioni (solo al Parcheggio Nord dello Stadio Euganeo a Padova, da diciasette anni ) la nuova edizione di Sherwood Festival che si terrà dall’otto giugno al sedici luglio. La storica rassegna musicale e culturale – con base a Padova –  totalmente indipendente, che ogni anno trasforma un parcheggio, quello dello Stadio Euganeo, in uno spazio sociale vivo, pulsante e libero, per oltre un mese di concerti e appuntamenti di ogni tipo e per tutti i gusti, dallo sport all’editoria indipendente, dal teatro alla gastronomia, sempre con riguardo alle autoproduzioni, alla sostenibilità e alle realtà del territorio.

La musica rimane un punto fermo del lungo festival di Sherwood che negli anni ha ospitato artisti di fama mondiale come Manu Chao, i Prodigy, i Cypress Hill, Goran Bregovic, Die Antwoord, Pat Metheny, NOFX. La musica di Sherwood che ogni anno richiama oltre 150.000 presenze da tutta Italia, anche grazie alla massima fruibilità dei prezzi dei biglietti, decisamente accessibili rispetto alla media nazionale, ferma restando la consolidata formula simbolica del ‘un euro può bastare’, valida per la maggior parte dei concerti. Quest’anno saliranno sul mainstage di Sherwood tanti grandi artisti nostrani, con nuovi tour estivi, oltre ad ospiti internazionali, tutti presto annunciati. Tra i guest italiani, una vecchia conoscenza che a Sherwood è di casa: i Subsonica – onstage venerdì 15 Luglio – tra i gruppi più eclettici in Italia, a Padova col nuovo ‘[1996-2016] TOUR’, dopo il successo del tour nei club da poco concluso. Quello dei Subsonica sarà uno show esplosivo, ripercorrerà i 20 anni di carriera della formazione torinese che, dagli esordi a oggi, ha saputo innovare e ridisegnare i confini della musica italiana, parlando un linguaggio internazionale.

Saranno tantissimi anche gli appuntamenti non musicali e i ‘festival nel festival’ come La settima edizione dell’ HIP HOP DAY (08 Luglio), la seconda edizione dello SHERWOOD REGGAE DAY (29 Giugno) e lo SHERWOOD GOES HARDCORE (06 Luglio). Spazio anche allo sport con eventi a tema, campetti allestiti a disposizione del pubblico e maxischermi dove saranno proiettati gli Europei di calcio. Anche i bambini, come ogni anno, avranno la loro giornata dedicata – lo SHERWOOD FOR KIDS – con iniziative e tantissime proposte: sport, animazione, giocoleria, laboratori di creazione e decorazione.

Il SECOND STAGE vedrà anche quest’anno le esibizioni live di tante band del territorio, e non solo, e sarà anche il palco per i dibattiti e gli incontri del lunedì, mentro lo stand di Sherwood ospiterà le interviste ai gruppi, altri dibattiti e incontri, presentazioni di libri e tanti altri appuntamenti culturali. Infine merita una segnalazione il contributo, che si rinnova spontaneamente ogni anno, dei tantissimi collaboratori che a livello volontario danno vita, insieme a tutto lo staff del festival, a uno spazio pubblico vivo, capace di tenere insieme musica, teatro, dibattiti che affrontano l’attualità politica, sport e tanto altro”.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore