lunedì, Novembre 11

Senegal: la tecnologia riduce i casi di malaria Per questa malattia, ogni anno muoiono circa 400 mila persone l'anno

0

Ogni due minuti un bambino nel mondo muore di malaria che, trasmessa dalla zanzara anofele, uccide circa 400 mila persone l’anno. E’ questo il dato allarmante diffuso dalla capitale del Senegal, dove si svolge fino al 20 aprile la settima edizione della conferenza panafricana dell’Iniziativa multilaterale sulla malaria. Come ha affermato nel suo ultimo rapporto l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nonostante gli ultimi passi avanti, «i progressi globali per arginare la malattia sono stagnanti» e in alcune regioni si registra una «nuova progressione».

La multinazionale farmaceutica Novartis ha annunciato che per i prossimi cinque anni investirà 100 milioni di dollari nella ricerca, per trovare nuove cure contro la malaria e che applicherà anche un abbassamento al costo dei farmaci per la prevenzione e il trattamento della malaria.

(Video tratto dal canale Youtube Aljazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore