domenica, Marzo 24

‘Se ti vedesse Botticelli’ di Mario Pappagallo (e ‘Le donne che verranno’) Mario Pappagallo, ‘l’uomo delle cose giuste’. Romanzo biografico e quasi autobiografico / 6

0

«Se ti vedesse Botticelli, se ti guardasse questa sera, riprenderebbe i suoi pennelli e rifarebbe la primavera. Se a Dante poi ti presentassi con quel tuo splendido sorriso, vorrebbe tu lo accompagnassi, e non Beatrice, in Paradiso.

Ma io ti tengo per me, non ti presento a nessuno, voglio restare per te il tuo ‘Numero uno’. Gelosamente così, forse per te appiccicoso, ma custodisco i tuoi sì come un bene prezioso. Ogni volta che mi sei distante provo un senso di infelicità, tu funzioni meglio di un calmante, mi riporti alla serenità. Ogni istante che mi sei lontana è una vera e propria assurdità, tu sei meglio della valeriana, sei la pace, la tranquillità.  

Se ti vedesse uno scienziato, fosse persino Galilei, direbbe è logico e provato che il mondo giri intorno a lei. Se ti vedesse Casanova vorrebbe averti ad ogni costo, sarebbe pronto ad ogni prova e metterebbe la testa a posto.  

Ma io ti tengo per me, non ti presento a nessuno, voglio restare per te il tuo ‘Numero uno’. Gelosamente così, forse per te appiccicoso, ma custodisco i tuoi sì come un bene prezioso. Ogni volta che mi sei distante provo un senso di infelicità, tu funzioni meglio di un calmante, mi riporti alla serenità. Ogni istante che mi sei lontana è una vera e propria assurdità, tu sei meglio della valeriana, sei la pace, la tranquillità».

Se ti vedesse Botticelli’ di Mario Pappagallo.

Si può quindi, volendo, procedere con quest’altra sua ‘Le donne che verranno’ di Mario Papppagallo.

«Le donne che conosco non hanno iniziativa, si limita a uno sguardo o a una loro inventiva, non ti invitano a cena con un secondo scopo, non ti fanno un sorriso pregustando già il dopo. Le donne che conosco non ti aprono porte se prima non gli fai giorni e giorni di corte. Le donne che conosco e da cui resto distante, le donne che conosco, ma forse tutte quante.

Le donne che frequento prima fanno le fusa, poi si aggrappano forte a un principio, a una scusa. E non sanno stupirmi tanto sembrano uguali, poco inclini davvero a rapporti informali. Le donne che frequento non mi danno emozioni, o per dirla più cruda, mi hanno rotto i coglioni. Le donne che frequento, malinconico amante, le donne che frequento ma forse tutte quante.

Le donne che io amo, e che spingo allo sfascio, le donne che io amo son le prime che lascio, premurose e gentili mi vorrebbero accanto, per mostrarmi alle amiche e per farsene vanto. Le donne che io amo hanno fame di moine, come scimmie in attesa di poche noccioline. Le donne che io amo, né puttane né sante, le donne che io amo, ma forse tutte quante.

Le donne che posseggo, o mi sembra di avere, mi raccontano balle, ma le penso sincere. Figlie del pregiudizio che le nutre di angosce, hanno spesso il cervello chiuso dentro le cosce. Le donne che posseggo nei rapporti più marci le lascio a chi le vuole, non sapendo che farci. Le donne che posseggo, una truppa ignorante, le donne che posseggo, ma forse tutte quante.

Le donne che verranno, quasi in punta di piedi, facendo bella mostra di favori e rimedi, avranno visi nuovi ma parole già usate, distilleranno amore anche in comode rate. Le donne che verranno, affilando le armi, pensando di riuscire finalmente a cambiarmi. Avranno vita dura, le donne che verranno, perché purtroppo, amore, non ti somiglieranno.

No, non ti somiglieranno».

Siamo giunti ormai al Sesto ‘Capitolo’ (e otto ‘canzoni’) di questo nostro ‘Mario Pappagallo, ‘l’uomo delle cose giuste’ (parafrasando nel titolo la sua ‘Il Paese delle cose giuste’). Lo abbiamo definito ‘romanzo biografico e quasi autobiografico’ per quanto dalla sua narrazione in musica trasparentemente emergano vita e personalità, e balzino fuori fatti sentimenti ed emozioni così come speranze delusioni nuove speranze e passioni.

Segnaliamo due utili (fondamentali) strumenti per seguire e approfondire l’’epopea’ di Mario Pappagallo:

A / ‘Mario Pappagallo Fan Club’ Gruppo Facebook  

B / Indice delle Canzoni di Mario Pappagallo, a cura di Alessandro Scoccia Pappagallo

Forniamo inoltre a seguire l’Indice dei ‘Capitoli’ pubblicati sinora su ‘L’Indroquotidiano digitale, a partire da lunedì 6 agosto 2018 (con il collegamento al singolo pezzo: all’interno di ciascuno Testo e Video della canzone indicata, o delle canzoni).  

6 / (continua)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore