giovedì, Gennaio 23

Scopriamo insieme il Louvre del Mondo arabo E' stato inaugurato ieri l'Abu Dhabi Louvre, il primo museo universale del Mondo arabo

0

E’ stato inaugurato ieri l’8 novembre, il Louvre Abu Dhabi, primo museo universale del Mondo arabo, sull’isola di Saadiyat, parte dell’arcipelago della capitale degli Emirati Arabi. E’ stato definito ‘il primo museo universale nel mondo arabo’, è costato complessivamente oltre un miliardo e mezzo di euro, e vedrà finalmente la luce dopo 10 anni di attesa. Il pubblico lo potrà visitare dal 11 novembre.

Alla cerimonia inaugurale erano presenti anche il Presidente francese Emmanuel Macron e lo sceicco Mohammed Ben Zayed Al-Nahyane. L’opera è stata progettata dall’architetto francese Jean Nouvel, ora gli Emirati per 30 anni potranno usare il nome ‘Louvre’ e per i prossimi 15 anni allestire mostre usando opere prese in prestito dall’originale Louvre parigino. Il Louvre Abu Dhabi è solo il primo di una serie di musei che apriranno nella capitale araba, tutti con nomi prestati da note gallerie europee: Guggenheim, museo d’Orsay e Pompidou per citarne alcuni.

Una ‘Città-Museo’ sull’isola di Saadiyat che potrebbe rappresentare un tassello importante nell’economia emiratina come si può capire già dai numeri di base che ne disegnano il profilo: 180 metri è la misura del diametro della vasta cupola, icona del Louvre Abu Dhabi, che pesa 7.500 tonnellate, poco più della Torre Eiffel; 8.600 sono i metri quadrati dello spazio espositivo (il Louvre di Parigi è otto volte più grande), 6.400 dei quali dedicati alle mostre permanenti; 55 sono gli edifici che costituiscono il museo, sovrastato dalla cupola. Poco più di una decina i partner del Louvre di Abu Dhabi, compresi il Palazzo di Versailles e il Centre Pompidou, oltre al Louvre parigino.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore