domenica, Novembre 17

Scoperta la ‘Twilight Zone’ degli oceani Gli scienziati dello Smithsonian Tropical Research Institute hanno scoperto una zona oceanica nascosta piena di nuove specie di pesci.

0

Gli scienziati dello Smithsonian Tropical Research Institute hanno scoperto una zona oceanica nascosta piena di nuove specie di pesci. E’ la ‘Twilight zone’. I ricercatori hanno fatto la scoperta studiando le barriere coralline al largo delle coste dell’isola caraibica di Curaçao.

Situata tra 130 e 309 metri sotto la superficie, la zona contiene molti pesci che sono collegati alle specie trovate sulle barriere coralline e non si pensava che si verificassero a tali profondità. «Circa un pesce su cinque che troviamo nei rariphotic dei Caraibi è una nuova specie», ha detto il dott. Ross Robertson, biologo marino allo Smithsonian Tropical Research Institute e coautore del nuovo studio che documenta queste scoperte.

Come parte del Deep Reef Observation Project (DROP) di Smithsonian, il dott. Baldwin e il suo team hanno condotto dozzine di immersioni sommergibili nella zona rariphotica in cui hanno osservato 4.500 singoli pesci. All’interno di un’area di soli 200 metri quadrati, gli scienziati hanno identificato circa 30 nuove specie. Le specie di pesci che gli scienziati hanno trovato abitano in questa regione tendono a somigliare ai pesci colorati trovati sulle barriere coralline piuttosto che ai veri pesci dell’oceano profondo. Può darsi che la zona rariphotica offra rifugio a pesci di barriera che vivono in acque poco profonde in cerca di sollievo in quanto il cambiamento climatico causa il surriscaldamento delle acque più basse e la loro inabitabilità.

(Video tratto dal canale Youtube IBTimes UK)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore