domenica, Novembre 17

Russia: chi è Ksenia Sobchak, la candidata alle presidenziali 2018 La giornalista: 'L'obiettivo è ribaltare questo show. Raccogliere attorno alla scritta "contro tutti" quante più persone possibile'

0

Solo qualche settimana fa si è presentata come l’anti-Putin. Parliamo di Ksenia Sobchak, figlia del ‘padrino politico’ del presidente russo, Anatoly Sobchak. Una sfida all’attuale presidente che divide gli osservatori: alcuni di loro sospettano un patto stretto con il Cremlino, per dividere e indebolire il fronte dell’opposizione.

In conferenza stampa, la Sobchak ha detto di non considerarsi un politico di professione, e di non voler creare un partito politico. «Sono una giornalista, credo sia importante che alle elezioni si senta la voce della mia generazione». Il mio compito, ha spiegato la Sobchak, «è ribaltare questo show. Raccogliere attorno alla scritta “contro tutti” quante più persone possibile. Fare in modo che in tanti vadano a votare, perché la Russia non sia più solo una corporation».

In politica estera sembra pronta ad una svolta, come dice parlando di Crimea:  «Dal punto di vista del diritto internazionale, la Crimea è ucraina. Punto».

Intanto in vista proprio del voto del 18 marzo 2018, emergono i primi sondaggi. E per la Sobchak non sono per nulla positivi. Secondo quello compiuto dalla fondazione Opinione Pubblica, la maggioranza dei russi (70%) sono contrari alla sua candidatura. Soltanto il 6% degli elettori, approvano l’iniziativa della Sobchak, che è percepita negativamente dal 49% degli intervistati; positivamente solo dal 7%. Inoltre qualora fosse ammessa a correre per la presidenza, solo il 5% degli intervistati si è detto pronto a votare per lei. E il 60% degli intervistati, inoltre, pensa esplicitamente che non sia adatta alla presidenza. E i dubbi sulla sua candidatura aumentano.

(video tratto dal canale Youtube della BBC)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.