venerdì, Luglio 10

Russia: hacker in azione per scoprire i segreti militari Usa Il gruppo Fancy Bear ha seguito almeno 87 persone che lavoravano su droni militari, missili, caccia stealth, piattaforme di cloud computing o altre attività sensibili

0

Gli hacker, o per meglio dire le cyberspie, ormai  hanno dato vita ad una vera e propria guerra silenziosa. Nel mirino soprattutto i segreti militari. E secondo quanto scoperto da ‘Associated Press‘, adesso il nuovo obiettivo sono i droni e altre tecnologie. In particolare ad agire in questo settore, secondo i giornalisti, le spie russe, che stanno cercando informazioni dettagliate sugli ultimi progetti e sulle prossime tecnologie che metteranno in campo gli americani.

In particolare, secondo ‘Associated Press‘, nel mirino sarebbero finite le mail dei lavoratori Usa che sono coinvolti nei progetti, tanto che sarebbero state violate più volte alla ricerca di informazioni. Ciò che alla fine potrebbe essere stato rubato è incerto, ma gli hacker hanno chiaramente sfruttato una vulnerabilità nazionale in materia di sicurezza informatica: email scarsamente protette e quasi nessuna notifica diretta alle vittime.

Gli hacker noti come Fancy Bear, che si sono anche intromessi nelle elezioni statunitensi, hanno seguito, secondo le informazioni giornalistiche, almeno 87 persone che lavoravano su droni militari, missili, caccia stealth, piattaforme di cloud computing o altre attività sensibili.

(video tratto dal canale Youtube di Associated Press)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.