martedì, Luglio 16

Russia e Medio Oriente, nubi su una vittoria conclamata Il Cremlino di fronte a nuovi problemi e sfide in Siria e dintorni dopo i successi militari. Saprà cavarsela meglio della Casa bianca?

0

E’ passato solo un mese da quando Vladimir Putin si recò in Siria per annunciare la vittoriosa conclusione dell’intervento russo nel conflitto armato che ha messo a ferro e fuoco quel Paese per sette anni e il conseguente ritiro del grosso del contingente militare inviatovi da Mosca. Può darsi che l’annuncio si riveli calzante dal punto di vista del Cremlino anziché venire platealmente smentito da quanto sta accadendo sul campo all’inizio di questo ottavo anno non proprio di grazia più dei precedenti.

Può darsi, infatti, che il vero scopo dell’intervento fosse non solo limitato, cioè mirante alla conservazione della base navale di Tartus che la Russia odierna aveva ereditato dall’Unione Sovietica e che ora, adeguatamente estesa e rafforzata, potrebbe persino sopravvivere ad un’eventuale uscita di scena, debitamente concordata con altre parti in causa, del suo protetto e alleato locale, il presidente siriano Bashar Assad.

Tenendo conto, però, che oggi Mosca potrebbe probabilmente sostituire Tartus con un’altra base sulle rive nel Mediterraneo, ad esempio in Egitto, il vero scopo dell’intervento, vittorioso o no, potrebbe anche essere limitatissimo benchè per nulla modesto: dimostrare al mondo, e innanzitutto ai governi che hanno contribuito a lanciare alla Russia la sfida sfociata nella crisi ucraina e nell’altro conseguente conflitto armato in cui essa è in qualche modo impegnata, che Mosca non esita a ricorrere efficacemente a mezzi estremi per difendere i propri interessi e veri o presunti diritti.

Interessi e diritti certo più vitali in Ucraina che in Siria, benchè anche sulla sponda orientale del Mediterraneo il Cremlino reclami e pretenda rispetto per un rango e ruolo di grande potenza non automaticamente perduto con il tracollo della superpotenza sovietica. In altri termini, Mosca potrebbe persino accontentarsi di avere dato un contributo determinante alla sconfitta di un temibile nemico non solo suo ma dell’intera comunità mondiale (che in qualche caso può anche esistere davvero) come l’ISIS o Daesh, insomma il sedicente califfato islamico, senza preoccuparsi troppo di quanto possa succedere in Siria e dintorni dopo un simile successo militare, di credibilità e di prestigio.

Quella minimalista, benchè doverosa, non è tuttavia l’ipotesi più plausibile, anche perché le ultime notizie danno il Califfato per non ancora morto e capace quanto meno di colpi di coda, mentre quelle provenienti dall’Afghanistan confermano che l’estremismo islamico nelle sue varie forme ed espressioni tende piuttosto a rivelarsi un fenomeno dalle mille vite. Se poi per mano dell’ISIS o di chiunque altro Assad dovesse finire col soccombere in malo modo la credibilità e il prestigio di chi credeva di averlo salvato sarebbero gravemente compromessi agli occhi del mondo compresa l’opinione pubblica russa, dopo tanti anatemi scagliati contro gli  USA per gli sconsiderati ricorsi alla forza nel Medio Oriente, tanto sistematici e insistenti quanto vani e controproducenti.

Sono comunque numerosi i motivi per i quali appare più che probabile, per non dire sicuro, che il multiforme impegno russo nella regione debba necessariamente continuare anche dopo la vittoria annunciata da Putin senza affatto escludere che esso debba proseguire e addirittura riprendere in grande stile per effetto di ulteriori sviluppi, prevedibili e imprevedibili. Ma si dava generalmente per scontato che, esaurita una prima fase prevalentemente militare della conflittualità regionale, se ne sarebbe aperta una seconda caratterizzata da una predominante problematica politico-diplomatica.

Gli sviluppi più recenti suggeriscono piuttosto che la differenza tra le due fasi rischia di risultare non tanto grande, se non inesistente, e che in ogni caso l’ulteriore impegno di Mosca resterà sempre gravoso se non ancora più gravoso di prima. Dando ragione, magari, a Barack Obama quando l’ex presidente americano pronosticava sin dall’inizio che quella russa in Siria non sarebbe stata una facile marcia trionfale ma avrebbe intrappolato Mosca nella regione in un modo fin troppo familiare per Washington.

Non sono pochi né poco autorevoli, ora, gli esperti e commentatori moscoviti concordi nel ritenere che proprio la vittoria arrisa al primo intervento militare contribuisca a creare le premesse per nuovi successivi interventi destinati a ripetersi per anni. Al che si obietta, tra l’altro, che Putin non potrebbe né vorrebbe permetterseli neanche dopo l’imminente rielezione per un complesso di ragioni. Per i motivi già accennati, tuttavia, lo stesso ‘nuovo zar’ o eventuali suoi successori potrebbero vedersi costretti a compierli, tanto più se si guarda agli scenari in parte nuovi proposti dalla stretta attualità.

Che la parola dovesse passare, a questo punto, dalle armi propriamente dette a quelle della diplomazia sembrava prefigurato fino a ieri, oltre che dalla prevalente cessazione delle ostilità con il sopravvento apparentemente irreversibile preso da un certo schieramento su quello o quelli opposti, anche dall’intensificazione degli sforzi negoziali per una soluzione pacifica del nodo originario del conflitto: lo scontro tra il regime di Assad e i suoi avversari interni ed esterni.

Con la Russia in posizione intermedia, e quindi idonea ad un ruolo pacificatore, nonostante tutto l’appoggio belligerante ad Assad, perché non pregiudizialmente ostile ai suoi nemici e anzi in buoni rapporti con molti di loro, Arabia saudita in testa, e con la sola eccezione dei gruppi “’erroristi’. Una qualifica, questa, affibbiata peraltro da Mosca con parecchia disinvoltura a quanti visti più di malocchio di altri, tenuto conto che il terrorismo non è un termine dal significato univoco e che la sua pratica non è monopolio esclusivo di nessuno.

Il ruolo quanto meno potenziale della Russia era già di per sé importante perché unico tra le potenze esterne coinvolte in un modo o nell’altro nel conflitto. Ed è stato reso ancora più prezioso a fini di pace dalla paralisi dei colloqui promossi dall’ONU, iniziati a Ginevra e proseguiti a Vienna, un negoziato improprio in quanto le due parti contrapposte, il governo di Damasco e una folta rappresentanza dei ribelli siriani ad esso, non vi si confrontano direttamente bensì solo tramite Staffan de Mistura.

Un mediatore tanto collaudato e motivato, l’ex sottosegretario agli Esteri nel governo di Mario Monti, quanto frustrato da un dialogo tra sordi, intransigenti gli uni nell’esigere la deposizione di Assad e inflessibili gli altri (tanto più dopo i successi sul campo) nel negarla almeno come condizione preliminare per un accordo o anche solo per una trattativa seria.

Visualizzando 1 di 2
Visualizzando 1 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore