lunedì, Settembre 21

Ross 128 b, ecco la nuova Terra a 11 anni luce da noi Si trova in prossimità della costellazione della Vergine ed è l'ennesima scoperta del sistema HARPS

0

Si chiama Ross 128 b ed è un nuovo esopianeta candidato a sostenere le condizioni ideali per la formazione della vita. Si trova a circa 11 anni luce da noi ed al momento, è il secondo pianeta più simile alla Terra dopo Proxima B.

Ross 128 b si trova in prossimità della costellazione della Vergine ed è una nana rossa, ossia una stella fredda e debole ma che, inaspettatamente, potrebbe diventare capricciosa.

Protagonista dell’ennesima scoperta è stato HARPS (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher), un particolare strumento dell’Eso (European Southern Observatory) che si occupa principalmente della ricerca di pianeti extrasolari in servizio permanente ed effettivo presso l’Osservatorio astronomico di La Silla in Cile. Il monitoraggio è durato oltre 10 anni.

Viste le particolari condizioni e la vicinanza di Ross 128 b, gli scienziati già ipotizzano che possa trattarsi un un pianeta la cui temperatura varia da un minimo di -60 e un massimo di +20 gradi centigradi. Ma c’è di più: visto che si troverebbe nella cosiddetta fascia abitabile, non sarebbe da escludere che vi possa esistere acqua liquida in superficie.

(video tratti dai canali Youtube di La Vanguardia e SciNews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.