martedì, Agosto 4

Rolls Royce presenta Cullinan, un modello molto speciale Un vero SUV "a tre scatole", in quanto un compartimento di vetro separa il bagagliaio dal spazio passeggeri posteriore.

0

«L’etichetta SUV è ora applicata a qualsiasi cosa con una silhouette bicolore e il minimo suggerimento di andare sull’asfalto. Abbiamo immaginato un’autentica autovettura fuoristrada a tre cassetti con un design sfidante per la convention e una capacità assoluta in grado di soddisfare le voglie avventurose dei nostri clienti» dice Giles Taylor, direttore del design di Rolls-Royce che ha svelato, in questi giorni, il suo primo SUV. Si chiama Cullinan. È la prima volta che un veicolo Rolls-Royce può essere a tre o a cinque porte. Ma la società rivendica anche un’altra novità: la creazione di quello che definisce un vero SUV “a tre scatole”, in quanto un compartimento di vetro separa il bagagliaio dal spazio passeggeri posteriore. Ma Cullinan è anche la prima Rolls-Royce dotata di sedili posteriori ribaltabili.  

«Lo stile di vita del super lusso si sta evolvendo e Rolls-Royce è in testa, il lusso non è più un concetto urbano, ma sempre più abbracciare e sperimentare il mondo», ha dichiarato Torsten Müller-Ötvös, capo di Rolls Royce. L’auto ha un motore V12 e può raggiungere i 250 km / h. L’ acquirente di una Cullinan Rolls-Royce, potrà godere di una serie di opzioni su misura per soddisfare i propri gusti. 

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore