martedì, Ottobre 27

Rohingya, situazione insostenibile Sono ormai più di 18.000 quelli che dalla scorsa settimana sono riusciti ad attraversare la frontiera con il Bangladesh

0

Sono ormai più di 18.000 i Rohingya che da venerdì scorso sono riusciti ad attraversare la frontiera con il Bangladesh. A dirlo è l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, secondo cui quattromila, di cui per buona parte donne e bambini, rimangono tuttora nella zona di confine tra Myanmar e Bangladesh.

L’esodo si è intensificato dopo che venerdì un centinaio di uomini, che farebbero parte dell’Esercito di Salvezza Rohingya di Arakan, hanno attaccato diversi posti di polizia nello Stato di Rakhine, nel nord del Paese.

La situazione sta degenerando: Dacca chiede che le Nazioni Unite facciano pressioni sul Myanmar perché migliori le condizioni di trattamento dei Rohingya. Le autorità del Bangladesh sostengono di aver raggiunto i limiti di capacità e di non poter accogliere altre persone.

Il 29 agosto 2017 l’Alto Commissariato dell’Onu per i rifugiati ha denunciato la situazione in Myanmar parlando di ‘pulizia etnica’ e di ‘decenni si violazioni persistenti e sistematiche dei diritti dell’uomo’.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.