giovedì, Ottobre 17

Ritrovato il relitto della Indianapolis

0

È stato trovato a 5.500 metri di profondità nel Mare delle Filippine il relitto del USS Indianapolis, la nave da Guerra Americana affondata 72 anni fa da un sottomarino della marina giapponese. L’incrociatore, la cui missione è rimasta a lungo segreta – motivo per cui la nave stessa viaggiava inerme senza scorta – è stato popolarizzato anche da un recente film, ‘Men of Courage’, con Nicolas Cage.

La nave portava con sé i componenti essenziali – tra cui l’uranio – per la realizzazione della prima bomba atomica, la ‘Fat Boy’. La segretezza della missione impedì all’equipaggio di inviare richiesta d’aiuto via radio. Per questo motivo i soccorsi non si preoccuparono del silenzio radio che la nave doveva rispettare, e la posizione dell’abbattimento restò sconosciuta.

La nave, costruita nel 1929, affondò in meno di 15 minuti, troppo poco per dare il tempo all’equipaggio di salvarsi sulle scialuppe: solo 316 marinai su 1196 sopravvissero. Molti non riuscirono a salvarsi dall’attacco, altri furono divorati dagli squali. Charlie B. Mc Way, il comandante della nave, sopravvisse alla tragedia ma in seguito si suicidò: la pressione della responsabilità, e le accuse da parte del comando americano e delle famiglie delle vittime furono troppo pesanti.

Video tratto dal canale Youtube ‘Storyful News

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.