domenica, Marzo 24

Risparmiare e investire come un milionario: trucchi e consigli Ci sono sempre tendenze e mode che tutti amano seguire. Solo andando controcorrente e ignorando le masse, è possibile trovare la strada verso la ricchezza

0

Quando si pensa ai milionari, le prime parole che vengono in mente sono ‘privilegio’ e ‘opulenza’. E che dire di ‘comfort’? Questo è in realtà un termine che si associa più spesso alla classe media. Tuttavia, nonostante la maggior parte delle famiglie del mondo occidentale godano di un certo comfort, ciò che desiderano realmente è un tenore di vita più tranquillo e sapere di avere una determinata libertà finanziaria per proseguire il proprio stile di vita. Ecco alcuni consigli per risparmiare e investire come un milionario.

Il senso di comfort della mente è più facile da raggiungere di quanto si possa immaginare. Contrariamente alla credenza popolare, secondo un articolo del Time, l’eredità non ha svolto un ruolo principale nel successo della maggior parte dei 10 milioni di membri del club a sette cifre. Più dell’80% della loro ricchezza è stata guadagnata attraverso il lavoro, le piccole imprese e gli investimenti. La stragrande maggioranza dei milionari attribuisce il successo dei loro investimenti non a strumenti esotici come gli hedge fund o i private equity, ma al comprovato investimento di azioni e obbligazioni base.

Ecco alcune strategie chiave per il tuo portafoglio:

Mettiti in gioco

Per costruire la ricchezza, non si può avere in testa solo la strategia; si tratta di avere la giusta mentalità. Sarah Fallaw, fondatrice di DataPoints, una società di ricerca sulla finanza comportamentale che analizza il potenziale di ricchezza, afferma che i quattro tratti chiave per fare soldi sono: frugalità, fiducia, responsabilità e indifferenza sociale (la capacità di ignorare le tendenze).

Ecco come applicare queste quattro qualità al tuo portafoglio

Sii avaro. Supponiamo di avere un portafoglio da 150.000 euro e di pagare l’1% di tasse per l’investimento. Se tagli i costi di appena tre quarti di punto percentuale, risparmierai 1.125€ di tasse all’anno. Ottimo, vero? Ma questo minimizza l’impatto reale. Non è solo l’1% degli asset, ma del tuo potenziale rendimento, che si accumula poi nel tempo. Se vista in questo modo, una commissione dell’1% è enorme. Se guadagni il 7% sul mercato, ma paghi l’1% in commissioni, perdi quasi il 15% del tuo rendimento. Dati tali costi, in oltre 30 anni, i tuoi 150.000 euro cresceranno fino a 862.000 euro. Ma taglia le spese dello 0,25% ed entrerai a far parte del club dei milionari con 1,1 milione di euro.

Abbassare i costi di tre quarti di punto percentuale non è così difficile con i fondi indicizzati e gli ETF. Se vuoi consigli in merito e scegliere i broker migliori con i quali far fruttare i tuoi risparmi, ricorda che Leaprate sta per essere lanciata in Italia. Questo gigante americano è una società indipendente di ricerca e consulenza, specializzata nel trattare il mondo del trading Forex. Leaprate è seguito da centinaia di migliaia di trader, investitori e altri partecipanti del settore Forex, tramite il suo sito web, Twitter, Facebook, RSS, Newsletter e LinkedIn.

Ignora le masse. Ci sono sempre tendenze e mode che tutti amano seguire. Vai controcorrente e ignorando le masse, troverai la tua strada verso la ricchezza.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.

Sull'autore