giovedì, Dicembre 12

Richard H. Thaler, all’americano il Nobel per l’Economia "Sapevo che poteva succedere", ha dichiarato lo studioso settantaduenne

0

«Sapevo che poteva succedere […] il mio cellulare ha squillato alle quattro del mattino, ed era una chiamata dalla Svezia, quindi avevo un’idea piuttosto chiara di cosa potesse essere», queste le parole di Richard H. Thaler, nuovo vincitore del premio Nobel per l’Economia. Il campo di studi di Thaler, Professore all’Università di Chicago, è l’economia comportamentale: lo studio sulle motivazioni delle decisioni del consumatore, tutt’altro che semplici, razionali, analisi costi-benefici.

Secondo il settantaduenne, l’irrazionalità umana può essere paradossalmente usata per indirizzare il consumatore verso scelte efficenti. Famoso, per esempio, l’esperimento della finta mosca incollata al centro della toilette, che spinge gli uomini nell’atto di orinare a ‘centrare’ il bersaglio, aumentando la pulizia del bagno pubblico. Altra applicazione del principio del ‘nudge’ – spintarella, esortazione, termine coniato dallo stesso Thaler – può essere quella di disporre i cibi più sani, in una mensa, nei banconi più vicini ai clienti e facili da raggiungere; o il trasformare il sussidio alle ragazze madri in un piccolo compenso: 1 dollaro al giorno, per ogni giorno in cui la ragazza non è incinta.

«Il mio mantra è ‘se vuoi che la gente faccia qualcosa, rendilo semplice», ha dichiarato Thaler, «rimuovi gli ostacoli. Se vogliamo che la gente usi meno energia, per esempio, troviamo un modo per renderlo semplice».

Video tratto dal canale youtube ‘The University of Chicago

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.