sabato, Ottobre 24

Richard Appiah Akoto, il prof che insegna informatica senza computer A ogni lezione disegna le pagine di Microsoft Word con tutti i comandi per permettere ai suoi alunni di superare l'esame

0

Volere è potere. Manca la tecnologia ma la si vuole insegnare lo stesso? Ebbene si può, perché volere è potere. La storia arriva dal Ghana ed è quella di Richard Appiah Akoto, un insegnante della Betenase M/A Junior High School di Sekyedomase, una zona rurale del Paese. La sua materia è l‘informatica, ma non dispone del computer. Così ha pensato di trasformare la lavagna in un documento elettronico: a ogni lezione disegna le pagine di Microsoft Word con tutti i comandi, per mostrare ai suoi alunni di 14 e 15 anni come funziona e consentire loro così di superare un esame obbligatorio per accedere alle scuole superiori.

«Amo i miei studenti, perciò devo fare in modo che capiscano cosa sto insegnando», ha scritto Richard su Facebook. Un post che è arrivato fino alla bacheca dell’imprenditrice camerunense Rebecca Enonchong, che ha chiesto l’aiuto di Microsoft, che ha subito risposto presente. Il prof. in realtà ne chiede 50 di computer e non solo uno, ma c’è da scommettere che ne arriveranno anche di più.

(video tratto dal canale Youtube della Bbc)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.